Cantiere Piazzale Boccherini.

 

 

L’assessore Celestino Marchini ha effettuato un sopralluogo

Lunedì prossimo (9 luglio) termineranno le operazioni di rimozione degli alberi: da martedì 10 luglio si traccia la rotonda. L’assessore Marchini: “Il numero degli alberi sarà triplicato ad opera conclusa”.

 

Questa mattina (5 luglio) l’assessore ai lavori pubblici Celestino Marchini ha effettuato un sopralluogo al cantiere di piazzale Boccherini, dove sono ripresi i lavori per la realizzazione della nuova rotatoria.

Gli interventi di oggi e dei prossimi giorni riguarderanno la rimozione delle alberature, propedeutica alla realizzazione dell’opera. Si tratta in tutto di 13 alberi: 8 si trovano nell’area dove verrà costruita la rotonda, 4 in corrispondenza del luogo dove verrà realizzato il sottopasso ciclopedonale di collegamento fra il centro storico e Sant’Anna e uno è collocato nel punto di entrata del bypass che servirà a far circolare i mezzi durante lo scavo del sottopasso.

“Anche per la costruzione di questa infrastruttura – spiega l’assessoreMarchini– abbiamo previsto da progetto un forte incremento del verde pubblico: basti pensare che una volta completata l’opera, i nuovi alberi piantati saranno 39, vale a dire il triplo rispetto a quelli che stiamo togliendo in questa fase, e la superficie adibita a verde complessivamente passerà dagli attuali 2.423 metri quadrati a 4.289 metri quadrati”. 

Il taglio degli alberi sarà concluso entro lunedì prossimo, dopo di che si procederà a tracciare la rotonda con il topografo: il centro della rotatoria e le aiuole circostanti. Una volta fissato con esattezza sul terreno il sistema della rotatoria si potrà procedere allo spostamento dei sottoservizi (acquedotto, linea elettrica, etc.) e solo a quel punto si passerà alla posa in opera dei cordoli con la sagomatura delle aiuole.

Una volta terminata l’opera saranno piantati 39 nuovi alberi:18 Magnolie Soulangeana in viale Luporini, altri 14 alberi della stessa specie negli spazi verdi intorno alla rotatoria, mentre lungo il perimetro delle mura urbane troveranno spazio un tiglio e  sei alberi del tipo Quercus ilex. Inoltre, le attuali Lageostremie a dimora in viale Luporini nel tratto interessato dai lavori di riqualificazione saranno recuperate e messe a dimora sempre in viale Luporini, nel tratto compreso fra la rotatoria di piazzale Italia e via San Donato.

 

Share