L’Azienda USL Toscana nord ovest sul Pronto Soccorso dell’ospedale San Luca: “Ricoveri  sempre garantiti e nessun medico è stato trasferito”

Lucca, 5 aprile 2016 – In merito agli articoli dei giorni scorsi sul Pronto Soccorso di Lucca, l’Azienda USL Toscana nord ovest evidenzia che l’afflusso di pazienti al “San Luca” è stato sempre governato garantendone il ricovero, in un quadro di sempre maggiore complessità della casistica (aumento dei codici gialli e rossi).
Tale complessità comporta un corrispettivo incremento di accertamenti e di una presa in carico sempre più impegnativa dei pazienti, con i tempi di processo che possono allungarsi.
Dal punto di vista organizzativo – come evidenzia la responsabile del Pronto Soccorso di Lucca dottoressa Fabiana Frosini –  nei giorni e nelle fasce orarie di previsto maggior carico di utenti, viene implementato il numero di medici in servizio.
I dati relativi agli accessi al Pronto Soccorso della Valle del Serchio non sono invece confrontabili con quelli del Pronto Soccorso di Lucca, in quanto i pazienti più complessi afferenti alla struttura della Valle vengono primariamente o secondariamente trasferiti proprio al Pronto Soccorso del “San Luca”.
Per quanto riguarda il trasferimento di un medico del Pronto Soccorso, si precisa che, ad oggi, nessun medico è stato spostato dal Pronto Soccorso.
Si specifica invece che il medico a cui fa riferimento il sindacato UIL è assente per malattia dal 19 gennaio e non è ancora rientrato in servizio: sarà compito del Medico Competente aziendale sottoporlo a visita di controllo per definirne l’eventuale idoneità o meno alla mansione. Sicuramente la Direzione di presidio non ha “trasferito” nessuno. Comunque, la responsabile del Pronto Soccorso ha già fatto richiesta di sostituzione e l’Azienda si sta attivando per il reintegro.  (sdg)

Share