Rinviata per l’emergenza Coronavirus, la “Marcia globale per i diritti umani” diventa virtuale

Scritto da Redazione, venerdì 8 maggio 2020 alle 10:49

Circa 2000 studenti e docenti delle scuole primarie e secondarie da tutta la Toscana, avrebbero dovuto invadere oggi le strade di Firenze, per la seconda edizione della “Marcia globale per i diritti umani e per lo sviluppo sostenibile”, promossa da Regione Toscana e Oxfam . L’edizione di quest’anno, dedicata alla lotta ai cambiamenti climatici, dopo il successo della prima edizione, avrebbe dovuto svolgersi parallelamente in 10 Paesi collegati idealmente con il capoluogo toscano come parte del progetto “Walk the Global Walk” (finanziato dal programma DEAR della Commissione Europea). A  causa dell’emergenza sanitaria in corso la manifestazione è stata rinviata e si terrà in forma virtuale il prossimo autunno.

“Nella speranza di condividere presto lo spazio pubblico con una marcia che coinvolga nuovamente le studentesse e gli studenti delle scuole toscane e i protagonisti del progetto Walk the Global Walk, stiamo studiando per l’autunno nuove forme alternative per far sentire la voce e le istanze delle nuove generazioni sull’attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile promossi dal progetto ed oggi ancora più urgenti in questa emergenza sanitaria, sociale ed economica che vede necessario un ripensamento dell’attuale modello di sviluppo.- spiega Monica Barni, vicepresidente della Regione Toscana – L’impegno della Regione per la tutela dei diritti umani è prioritario e ci fa piacere che iniziative formative e di sensibilizzazione come queste realizzate con Oxfam Italia registrino una ades ione numerosa e partecipata degli studenti e dei loro insegnanti”.

Una partecipazione delle scuole toscane che, nel frattempo, sta continuando on line attraverso tante iniziative e proposte realizzate da studenti e docenti in molti Comuni, con l’obiettivo di dare un contributo concreto per migliorare la vivibilità e la sostenibilità ambientale nella propria comunità. Un lavoro che parte dall’ambizione che l’Obiettivo di sviluppo sostenibile numero 13 definito dalle Nazioni Unite, trovi una realizzazione concreta nella vita di ciascuno.

“La marcia virtuale che realizzeremo il prossimo autunno, arriverà come momento conclusivo del lavoro di progettazione e implementazione di azioni di sostenibilità che i ragazzi stanno realizzando in questi mesi, confrontandosi virtualmente tra loro e con le amministrazioni locali per migliorare le politiche ambientali del proprio territorio – aggiunge Elisa Bacciotti, responsabile campagne Oxfam Italia – Idee e proposte che, solo per far qualche esempio, nei territori di Livorno, Firenze, Arezzo, Pontedera, Sinalunga, Montemurlo, Cecina, Piombino, Massa, Sesto Fiorentino e molti altri, guardano al miglioramento della raccolta differenziata e della gestione dei rifiuti, alla tutela delle spiagge, al miglioramento della mobilità sostenibile, alla realizzazione di mostre fotografiche di sensibilizzazione sulla sostenibilità ambientale. Anche per iniziare a immaginare sin da ora come potremo tutti insieme costruire un mondo più sostenibile, dopo che l’emergenza Covid19 sarà passata”.

 

Share