Oggi, martedì 26 ottobre,  ricorre il 30° anniversario della scomparsa del professor Luigi Suffredini (FOTO) di Castelnuovo,

quasi una istituzione per la Garfagnana, a cominciare dall’essere stato per oltre 40 anni dinamico presidente della Pro Loco del capoluogo garfagnino, tra i fondatori nel 1952  e poi direttore dal 1954 del mensile  “La Garfagnana” fino alla sua scomparsa, il 26 ottobre 1991, ideatore del Premio nazionale di Poesia “Olinto Dini”, del Premio nazionale Garfagnana di giornalismo e quello di Narrativa, poi “Loris Biagioni”,  del concorso “Balconi Fioriti” per la valorizzazione del paesaggio e dei paesi della Garfagnana,

 

nonché ideatore della rinascita del Carnevale castelnuovese, poco prima della morte.  Alla sua memoria il Comune di Castelnuovo, qualche anno fa,  ha dedicato la sala dell’ex Archivio provinciale  e la Pro Loco da quest’anno ha bandito il Premio Suffredini da assegnare a chi dedica tempo e lavoro per il bene della comunità.  Sapeva dialogare con tutti il professor Luigi Suffredini e sotto una apparente arrendevolezza possedeva un forte carattere, con il quale ha saputo negli anni superare tanti scogli e promuovere numerose iniziative per il bene della Garfagnana. Per tanti anni Suffredini era stato anche attivo componente dell’allora Ente Provinciale per il Turismo.

 

Luigi Suffredini era il “professore” per antonomasia di Castelnuovo ed intensa è stata sua opera a favore del turismo, dell’arte e della cultura della Garfagnana.

 

Di lui rimangono anche alcune opere interessanti come l’autobiografico volume  “Non bruciamo le foglie dorate del pallido autunno” e “Gocce d’inchiostro”, una raccolta sui cento anni di articoli pubblicati su “La Garfagnana”, in collaborazione con lo  scrittore e giornalista Gian Mirola e centinaia di articoli apparsi su tante testate, a cominciare dalla sua “La Garfagnana”. Nato in località Pettinella di Gragnanella in comune di Castelnuovo, Suffredini visse la gioventù a Cerretoli, studiando poi a Lucca e a Pisa. Dal matrimonio con la professoressa Francesca Consorti, fiorentina, insegnante di Educazione Artistica per tanti anni presso la Scuola Media “Pascoli” di Castelnuovo, è nato Riccardo, già funzionario dell’Enel, oggi residente ad Albiano di Barga con la famiglia.

Share