Lunedì 6 luglio riapre il Nido il Cucciolo per i  bambini che lo hanno frequentato durante l’anno scolastico interrotto
 
Giurlani e Grossi “Investiamo sull’infanzia e sulle famiglie”
Continua il lavoro del comune di Pescia per permettere ai ragazzi di tornare sui banchi e comunque essere impegnati in questa strana estate da emergenza sanitaria. Dopo la partenza, la settimana scorsa, dei centri didattici estivi, lunedì 6 luglio sarà la volta del nido comunale il Cucciolo.
Non si tratterà esattamente di un campo estivo, ma piuttosto di un prolungamento del tempo del nido finanziato attraverso il fondo nazionale. Con questa formula non potranno essere accolti bambini diversi da quelli che già frequentavano il nido, perchè si tratta di fatto del prolungamento dell’ anno scolastico interrotto bruscamente per il coronavirus.
La struttura comunque è già al completo perchè ci sono 25 adesioni e quindi ipotetici 5 gruppi per ognuna delle 4 settimane. Quasi tutti hanno chiesto la formula completa con pranzo e orario che va dalle 7.30 alle 14.30.
“Ci siamo particolarmente impegnati per i più piccoli – dicono il sindaco Oreste Giurlani e l’assessore alla pubblica istruzione Fiorella Grossi- visto che a livello di normativa e provvedimenti nazionali è stata la fascia d’età probabilmente meno considerata e la più penalizzata. Con i centri estivi didattici e ora con questa riapertura e prolungamento estivo del Nido il Cucciolo l’offerta del comune di Pescia ci sembra articolata e adeguata, dove investiamo sull’infanzia e sulle esigenze delle famiglie”.
L’attività  si svolgerà con la massima  sicurezza, dedicando l’ uso esclusivo di una stanza ad ogni piccolo gruppo e ogni giorno all’ ingresso ci sarà la misurazione della temperatura con termometro e la  disinfezione delle mani con il gel.
Le tariffe rimangono invariate rispetto a quelle dell’anno scolastico, trattandosi di un prolungamento e il servizio durerà dal 6 al 31 Luglio (4 settimane) con orario che va dalle 7.30 alle 14.30 . Il costo mensile sarà di Euro 172,71, compreso il pasto.

Share