Restaurata una meridiana nel paese di Cardoso

 

 

Il plauso dell’Assessore alla Cultura Serena Vincenti: “Dal recupero degli edifici il recupero della nostra memoria storica”

 

Restaurata a Cardoso una antica meridiana che si trova sulla facciata di una casa privata e da lungo tempo soggetta a degrado e rischio di perdita. Si tratta di un orologio solare molto semplice ad ore locali francesi graffito e dipinto su una parete esposta perfettamente a Sud. La sua realizzazione risale al 1774 e risulta sia stato restaurato nel 1970 da un certo S. Battelli. Lo gnomone, la parte della meridiana che proietta la propria ombra sul piatto, è costituito da un ortostilo, lo stilo, ovvero l’asta che sporge perpendicolarmente dal quadrante . Le linee orarie sono contrassegnate con numeri romani da VII a V Le linee diurne non sono state riportate. Quella riportata dall’orologio è ovviamente l’ora solare che non tiene conto delle convenzioni che determinano le ore al nostro orologio, che non tengono conto della differenza di longitudine all’interno del fuso e della differente durata del giorno che convenzionalmente si calcola in 24 ore precise. Con tutti gli aggiustamenti del caso, lo strumento fornisce un orario perfetto.

“Le nostre case, i nostri edifici”, commenta l’assessore alla cultura Serena Vincenti, “sono ricche di questi strumenti che i moderni orologi hanno per così dire mandato in pensione. Restano testimonianze bellissime della nostra storia e bellissimi adornamenti dei nostri palazzi ed edifici e fa piacere che una famiglia come quella dei Battelli di Vallinventri a Cardoso abbia voluto recuperare questo pezzo di storia del paese e delle nostre comunità. A loro va il plauso dell’amministrazione sperando che siano tanti coloro che seguano l’esempio e di poter arrivare ad un registro di tutti gli orologi solari del Comune che si trovano anche in molti campanili”.

 

Share