Recordati annuncia la firma di un accordo con Novartis per l’acquisizione a livello mondiale dei diritti per Signifor® e Signifor® LAR®, farmaci per il trattamento della Malattia di Cushing e dell’Acromegalia in pazienti adulti per i quali l’intervento chirurgico non è indicato o non è stato risolutivo. Le vendite a livello mondiale per l’anno 2018 sono di $ 72 milioni. L’accordo prevede anche l’acquisizione dei diritti a livello mondiale di osilodrostat (LCI699), un innovativo trattamento sperimentale per la Sindrome di Cushing endogena in fase di registrazione nell’Unione Europea e negli Stati Uniti d’America.

A conclusione della transazione sarà dovuto a Novartis un corrispettivo di $ 390 milioni. Successivamente, sono previsti ulteriori pagamenti soggetti all’approvazione e alla commercializzazione di osilodrostat, oltre a royalties sulle vendite di questo nuovo prodotto. L’accordo prevede la fornitura dei prodotti da Novartis a Recordati per un periodo di transizione. Il pagamento del corrispettivo sarà finanziato con la liquidità esistente e nuovi recenti finanziamenti.  Il closing della transazione, che è soggetto alle consuete condizioni e nulla osta regolatorie, è previsto entro i prossimi mesi.

La Sindrome di Cushing comprende la Malattia di Cushing, una grave patologia endocrina causata da un adenoma ipofisario che porta all’ipersecrezione surrenalica di cortisolo. Altre cause della Sindrome di Cushing endogena comprendono patologie più rare quali l’adenoma surrenalico, la Sindrome di Cushing da secrezione ectopica di ACTH (ormone adrenocorticotropo) e l’iperplasia surrenalica macronodulare indipendente dall’ACTH. Questa patologia è associata a un incremento della morbilità e della mortalità. L’Acromegalia è causata da una eccessiva esposizione all’ormone della crescita che porta alla produzione del fattore di crescita insulino-simile di tipo 1: la causa più comune dell’Acromegalia è l’adenoma ipofisario.

Signfor® contiene il principio attivo pasireotide, un analogo della somatostatina. La somatostatina, prodotta naturalmente dall’organismo, blocca la produzione e il rilascio di certi ormoni, compreso l’ACTH. La pasireotide agisce in maniera simile alla somatostatina. Signifor® quindi, blocca la produzione di ACTH, facilitando il controllo della ipersecrezione di cortisolo e la riduzione della sintomatologia della Malattia di Cushing.

L’osilodrostat, attivo per via orale, è un inibitore dell’11 beta-idrossilasi, un enzima che catalizza la fase finale della sintesi di cortisolo nella corteccia surrenale. Questo innovativo farmaco per la Sindrome di Cushing endogena rappresenterà una nuova ed efficace opzione terapeutica per i pazienti.

“Siamo molto lieti dell’accordo siglato con Novartis per l’acquisizione dei diritti per Signifor® e osilodrostat, farmaci fondamentali per pazienti affetti dalla Malattia di Cushing e dall’Acromegalia in pazienti adulti per i quali l’intervento chirurgico non è indicato o non è stato risolutivo,” ha dichiarato Andrea Recordati, Amministratore Delegato. “Questa importante integrazione al nostro portafoglio prodotti per il trattamento di gravi malattie rare rappresenta un passo fondamentale per Recordati, nel riaffermare il continuo successo nell’esecuzione della propria strategia che ha come obiettivo diventare un attore globale nel trattamento delle malattie rare e di rendere disponibili soluzioni terapeutiche innovative per pazienti con patologie rare gravi ed esigenze mediche insoddisfatte, che è poi il cuore della nostra missione,” ha concluso Andrea Recordati.

Jefferies è stato financial advisor di Recordati per la transazione.

Recordati (Reuters RECI.MI, Bloomberg REC IM), fondata nel 1926, è un gruppo farmaceutico internazionale, quotato alla Borsa Italiana (ISIN IT 0003828271), con più di 4.100 dipendenti, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione e alla commercializzazione di prodotti farmaceutici. Ha sede a Milano, e attività operative in tutti i paesi Europei, compresa la Russia, in Turchia, Nord Africa, Stati Uniti d’America, Canada, Messico, alcuni paesi del Sud America, Giappone e Australia. Un’efficiente rete di informatori scientifici del farmaco promuove un’ampia gamma di farmaci innovativi, sia originali sia su licenza, appartenenti a diverse aree terapeutiche compresa un’attività specializzata nelle malattie rare. Recordati si propone come partner di riferimento per l’acquisizione di nuove licenze per i suoi mercati.  Recordati è impegnata nella ricerca e sviluppo di farmaci innovativi e in particolare di terapie per malattie rare.  I ricavi consolidati nel 2018 sono stati pari a € 1.352,2 milioni, l’utile operativo è stato pari a € 442,2 milioni e l’utile netto è stato pari a € 312,4 milioni.

Share