Individuati i responsabili di Farmacia Ospedaliera, Medicina Trasfusionale, Banca delle Cornee e Analisi Chimico-Cliniche

 

 

 

30-06-2015 QUATTRO PRIMARI 008

 

 

Il Direttore Generale dell’Azienda     USL 2 di Lucca Joseph Polimeni ha nominato quattro nuovi Direttori di struttura, tutti già presenti all’interno dell’Azienda, in maniera da dare continuità a servizi che funzionano e, nello stesso tempo, fornire un ulteriore impulso ad attività strategiche per l’Azienda.

A seguito di selezione pubblica richiesta prima ad ESTAV Nord Ovest e poi ESTAR per quattro incarichi quinquennali, sono stati infatti individuati: per la struttura complessa Farmacia Ospedaliera Marisa Anzilotti, per la struttura complessa Medicina Trasfusionale e Immunoematologia Rosaria Bonini, per la struttura complessa Centro Conservazione Cornee Claudio Giannarini, per la struttura complessa Analisi Chimico Cliniche Romano Mattei.

“Questi quattro professionisti – evidenzia il Direttore Polimeni – hanno tutte le caratteristiche per proseguire il positivo percorso intrapreso insieme ai loro colleghi, come hanno dimostrato nel corso delle selezioni, confermando la competenza e la passione con cui hanno lavorato in questi anni nell’ambito della nostra Azienda.

Tutti e quattro sono in grado di continuare a fare squadra e di garantire quindi un ulteriore sviluppo delle attività di cui sono responsabili. La loro nomina è la conferma di una nostra linea strategica mirata a valorizzare le migliori professionalità presenti in Azienda”.

Il Direttore Sanitario Aziendale Lorenzo Roti ha quindi messo in rilievo la scelta aziendale per accelerare questi percorsi e chiuderli prima dell’inizio della fase di commissariamento, nominando Direttori di servizi essenziali e valorizzando competenze interne.

 “La missione della Farmacia Ospedaliera – prosegue Polimeni – è quella di garantire alla nostra comunità prestazioni farmaceutiche di qualità. Questa struttura è infatti coinvolta in tutti i percorsi clinici, con lo scopo di ottimizzare le scelte in tale ambito, di promuovere l’appropriatezza, di erogare un’assistenza efficace, di promuovere la ricerca, di valutare le innovazioni, di sostenere la multidisciplinarietà e di favorire la continuità ospedale-territorio.

Sul nostro territorio si continua a spendere troppo per i farmaci, ma negli ultimi mesi si sono registrati importanti miglioramenti, anche grazie al lavoro del nostro qualificato personale.

Sembra quindi essere iniziata un’inversione di tendenza, a dimostrazione anche del fatto che sta crescendo l’attenzione da parte dei medici e dei cittadini al buon uso del farmaco.

30-06-2015 QUATTRO PRIMARI 004Al miglioramento della situazione ha probabilmente contribuito nell’ultimo periodo la distribuzione diretta dei farmaci, un’iniziativa che per l’Azienda USL 2 ha assunto negli anni un’importanza strategica in quanto permette di ottenere un notevole risparmio di risorse economiche fornendo al tempo stesso un servizio qualificato ai cittadini.

Si tratta di un’attività che non vuole contrapporsi al servizio offerto dalle farmacie convenzionate, che rimangono importanti presidi di distribuzione dei medicinali, ma è una modalità di erogazione che favorisce la continuità assistenziale tra ospedale e territorio.

Grazie a questo servizio all’interno della nostra Azienda, come nelle altre Aziende sanitarie toscane, al momento della dimissione da un ricovero ospedaliero o dopo una visita ambulatoriale i cittadini possono ritirare gratuitamente i farmaci per il primo ciclo di cure.

Anche alcuni farmaci prescritti dai medici di famiglia possono essere ritirati presso le strutture ospedaliere o in alternativa in uno dei centri socio sanitari dell’Azienda. Si tratta di una lista limitata di farmaci destinati in gran parte a patologie che richiedono un frequente ricorso ai nostri centri specialistici”.

 

“La struttura di Medicina Trasfusionale e Immunoematologia – sottolinea ancora Polimeni – è un servizio fondamentale per la nostra Azienda, strettamente collegato con tutte le strutture ospedaliere e territoriali e, soprattutto, con i Donatori e le Associazioni dei Donatori di Sangue che ringraziamo per la loro generosità.

Infatti il nostro territorio rappresenta tuttora, per le donazioni di sangue, uno dei più importanti siti produttivi della Regione Toscana.

Questo settore, tramite la dottoressa Bonini ed i suoi collaboratori, sta cercando anche meccanismi alternativi per coinvolgere i giovani e per attrarre nuovi donatori, come dimostra la recente partecipazione della nostra Azienda e delle Associazioni dei donatori di sangue all’iniziativa Lucca Effetto Cinema Notte 2015.

E’ stata questa una campagna di comunicazione sociale innovativa, per come è stata attuata nell’ambito di una grande manifestazione culturale, che potrà essere riproposta in altre occasioni a partire già dal prossimo mese di settembre 2015.

Con queste nuove modalità di diffusione, il messaggio della donazione può infatti arrivare non solo alle persone già motivate su queste tematiche ma a tutta una potenziale platea di donatori, giovani e meno giovani, che magari solitamente non viene raggiunta dalle campagne istituzionali di sensibilizzazione. La possibilità di diventare donatore è una opportunità che tutti possono avere e della quale molti non sono a conoscenza.

Il territorio dell’Azienda USL 2 di Lucca si conferma, quindi, laboratorio di iniziative in grado di rafforzare una sensibilità particolare che si è sempre registrata in questa zona, per invertire il trend delle donazioni, ultimamente in calo a livello locale come nazionale. A fronte di un incremento costante del bisogno di trasfusioni, negli ultimi tre anni si è infatti registrata una flessione del numero delle donazioni e questo nonostante il ruolo fondamentale da sempre svolto dalle associazioni dei donatori di sangue di Lucca, Piana, Mediavalle e Garfagnana nel complesso sistema regionale delle donazioni.

Un problema che si avverte ancora di più nel periodo estivo quando ogni anno si registra un calo di donazioni. Colgo quindi l’occasione per invitare i cittadini a donare anche d’estate, rivolgendosi con fiducia ai nostri Centri Trasfusionali di Lucca, Barga e Castelnuovo, dove troveranno personale preparato e competente”.

 

“Con il trasferimento all’ospedale San Luca – continua Polimeni – il Centro Conservazione Cornee Piero Perelli di Lucca ha ulteriormente migliorato la qualità del servizio. E’ un laboratorio che dispone di sofisticati strumenti tecnologici e che ogni anno distribuisce in Toscana e in altre regioni (ad esempio Lombardia, Lazio, Campania, Molise, Sicilia, Sardegna) oltre 600 tessuti idonei per il trapianto.

L’attività della Banca delle Cornee è partita ufficialmente nel 1995 ed oggi la struttura, che è punto di riferimento regionale, riceve quotidianamente tessuti provenienti da tutta la Toscana.

Su circa 1200-1300 cornee analizzate ogni anno (corrispondenti a 600-700 donatori), circa la metà risultano idonee e il continuo aumento della percentuale di idoneità delle cornee analizzate è uno dei tanti importanti risultati raggiunti in questi anni.

Per l’attività svolta, dato anche l’alto numero di donazioni che si registra in Toscana, è una delle cinque Banche degli Occhi più importanti d’Italia ed ha ormai un valenza di carattere europeo.

Il laboratorio è dotato di apparecchiature all’avanguardia, ma al di là dei macchinari e delle strutture contano gli uomini. Il valore aggiunto di questa attività che funziona è infatti rappresentato dalla grande professionalità degli operatori, che consente di portare avanti in maniera adeguata un percorso di grande rilevanza e civiltà.

Da ribadire inoltre che a monte di tutto questo percorso c’è un atto di grande generosità da parte delle famiglie dei donatori, che ringrazio ancora per la loro generosità, che consente di dare ad un’altra persona una nuova e fondamentale occasione e una migliore qualità della vita.

E’ quindi soprattutto grazie alle famiglie dei donatori, all’organizzazione regionale e alla professionalità del personale della Banca delle Cornee di Lucca che sono stati raggiunti e vengono mantenuti due importanti traguardi: l’autosufficienza regionale e l’azzeramento delle liste di attesa per il trapianto di cornee”.

 

“La struttura Analisi Chimico Cliniche – afferma poi il Direttore Generale Polimeni – è stata una delle prime a trasferirsi un anno fa all’ospedale San Luca, nella palazzina economale.

In un’area di 1575 metri quadri e con a disposizione 44 locali e più di 800 linee dati, i servizi laboratoristici garantiscono prestazioni tempestive e di altissimo livello sia per i pazienti interni e per gli utenti esterni.

Cogliendo l’occasione, unica, del trasferimento nel Nuovo Ospedale e con un consistente investimento da parte della nostra Azienda è stato infatti realizzato un Laboratorio moderno e innovativo, all’avanguardia non solo a livello nazionale, come hanno evidenziato alcuni addetti ai lavori venuti anche dall’estero e che hanno apprezzato la struttura.

Grazie alle tecnologie e alle professionalità presenti a Lucca viene effettuata un’ampia gamma di esami, con diagnosi molto rapide delle patologie più gravi e che necessitano di cure immediate (tipo la sepsi e la meningite).

Tutto questo è reso possibile soprattutto grazie al grande impegno del personale tecnico e dirigente, una squadra di circa 40 professionisti di alto livello, che garantire alla popolazione lucchese l’esecuzione di oltre 4 milioni di esami ogni anno.

Nella palazzina economale del San Luca sono state rinnovate molte attrezzature diagnostiche principalmente per l’ematologia (emocromo) e per tutti gli esami di Chimica-Clinica, Endocrinologia, Farmacologia, Tossicologia, Immunologia, batteriologia, Virologia, Parassitologia e Micobatteriologia.

Il Laboratorio è aperto 24 ore su 24, in maniera di garantire costantemente anche tutte le urgenze. Quotidianamente arrivano a questo servizio, attraverso la posta pneumatica, migliaia di provette che vengono smistate per poi essere analizzate.

Proprio per la sua qualità il servizio è stato scelto come riferimento per la microbiologia per tutta l’area vasta tirrenica”.

 

 

I quattro neo Direttori di struttura complessa hanno ringraziato la Direzione per lo sforzo effettuato e, vista la riorganizzazione in atto, hanno anche sottolineato l’importanza per l’Azienda USL 2 di Lucca di presentarsi in un contesto più ampio con Direttori “veri” e non facenti funzioni.

30-06-2015 QUATTRO PRIMARI 002

Il nuovo Direttore della struttura complessa Farmacia Ospedaliera è la dottoressa Marisa Anzilotti, lucchese, che si è laureata in Farmacia all’Università degli Studi di Firenze.

Dal 1986 al 1988 è stata farmacista presso una farmacia privata lucchese, mentre dal 1988 al 1995 è stata farmacista di ruolo presso la Farmacia interna dell’Ospedale di Pescia.

A partire dal 1995 è diventata farmacista coadiutore di ruolo presso l’Azienda USL 2 di Lucca e poi presso l’Unità Operativa Farmaceutica Territoriale nel ruolo di farmacista coadiutore responsabile del servizio Assistenza Integrativa.

Nel 1996 è passata alla Farmacia interna dell’Ospedale di Lucca con incarico relativo alla gestione dei Dispositivi Medici, mentre nel 1998 le è stata affidata la Sezione Farmaceutica Ospedaliera zona di Lucca.

Nel 1999 è diventata Responsabile del settore Dispositivi Medici e relative gare d’appalto e nel 2000 Presidente della Commissione Dispositivi Medici costituita presso la USL 2.

Dal 2002 è anche membro di commissioni di gare Estav relativamente all’acquisizione di Dispositivi Medici.

Nel 2005 è stata nominata responsabile aziendale Dispositivo vigilanza e nello stesso anno è diventata Responsabile della struttura semplice “Farmaceutica Ospedaliera Lucca”.

Nel 2007 è stata nominata membro della segreteria scientifica del Comitato Etico dell’Azienda USL 2, mentre nel 2010 è entrata a far parte in maniera permanente della Commissione Gestione Dispositivi Medici dell’Area Vasta Nord Ovest.

Nel 2014 è stata nominata membro del comitato infezioni ospedaliere di Area Vasta Nord Ovest e anche RUP aziendale dell’Azienda USL 2 di Lucca.

 

La dottoressa Rosaria Bonini, originaria di Castelnuovo Garfagnana – adesso Direttore della Medicina Trasfusionale e Immunoematologia dell’Azienda USL 2 di Lucca – si è laureata in Medicina e Chirurgia all’Università di Pisa, dove si è anche specializzata in Ematologia e Generale e in Patologia Clinica.30-06-2015 QUATTRO PRIMARI 013

Dal 1989 al 1991 è stata assistente medico al Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche e Microbiologiche della USL di Massa Carrara e della ex USL 4 Garfagnana.

Dal 1991 al 1997 è stata Dirigente Medico di secondo livello presso la Sezione Trasfusionale di Castelnuovo Garfagnana.

Dal 1997 al 2013 è diventata Responsabile della Sezione Aggregata di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale della Zona Valle del Serchio dell’Azienda USL 2 Lucca.

Dal 2003 al 2008 è stata anche Responsabile del Sistema Qualità della Unità Operativa Immunoematologia e Medicina Trasfusionale dell’Azienda USL 2 di Lucca.

Dal 2008 fino ad oggi ha svolto il ruolo di Responsabile facente funzioni della Struttura Complessa Medicina Trasfusionale e Immunoematologia dell’Azienda USL 2 di Lucca.

Nel 2013 ha ricevuto inoltre l’incarico professionale denominato “Esperto di medicina trasfusionale” all’interno della Struttura Complessa Medicina Trasfusionale e Immunoematologia del Dipartimento Medico e delle Specialità Mediche dell’Azienda USL 2 di Lucca.

 

Il Direttore della Struttura Complessa Banca delle Cornee è il dottor Claudio Giannarini, di Lucca.

Laureato in Scienze Biologiche all’Università di Pisa, dove si è poi specializzato in Microbiologia e Virologia.

Dal 1984 al 1988 ha lavorato all’Ospedale Civile “Giuseppe Tabarracci” di Viareggio.

Dal 1988 al 1998 si è occupato dell’attività di Sierologia all’interno dell’unità operativa Microbiologia dell’Azienda USL 2 ed è stato nello stesso periodo Responsabile di settore nella unità operativa Analisi Chimico-Cliniche e Microbiologiche della stessa Azienda.

Dal 1998 al 2001, sempre nell’ambito dell’Azienda USL 2 di Lucca, si è occupato dell’attività di Eye Banking presso il Centro Conservazione Cornee (unità operativa Immunoematologia).

Dal 2001 al 2006 ha svolto il ruolo di Responsabile della struttura semplice Centro Conservazione Cornee “Piero Perelli”.

Dal 2006 al 2014 ha continuato a ricoprire l’incarico di Responsabile della struttura semplice, ne frattempo divenuta dipartimentale, Centro Conservazione Cornee “Piero Perelli”.

Dal 2014 ad oggi è stato Direttore facente funzioni della Struttura Complessa Centro Conservazione Cornee.

 

Il Direttore della Struttura Complessa Analisi Chimico Cliniche è il dottor Romano Mattei. Originario di San Romano in Garfagnana, si è laureato in Scienze Biologiche presso l’Università degli Studi di Pisa, dove poi si è anche specializzato in Microbiologia.30-06-2015 QUATTRO PRIMARI 007

Dal 1979 al 1997 è stato Biologo Collaboratore presso il Laboratorio di Analisi Chimico- Cliniche e Microbiologiche.di Castelnuovo Garfagnana (ex USL 4).

Dal 1998 al 2009 ha svolto il ruolo di Biologo Dirigente presso l’Unità Operativa Analisi Chimico- Cliniche e Microbiologiche dell’Azienda USL 2 di Lucca.

Dal 2007 ed a tutt’oggi componente del Comitato di Controllo Infezioni Ospedaliere in qualità di Microbiologo.

Ha usufruito di un incarico professionale in ambito di “BATTERIOLOGIA” a decorrere dal 1° Dicembre 2006 per la durata di tre anni.

Dal 2010 al 2012 è stato poi Responsabile della Sezione di Microbiologia presso l’Unità Operativa Analisi Chimico- Cliniche e Microbiologiche dell’Azienda USL 2 di Lucca (periodo in cui è stato anche sostituto del Direttore di UO).

Dal 2013 a tutt’oggi è stato Direttore facente funzioni della Struttura Complessa Analisi Chimico Cliniche dell’Azienda USL 2 di Lucca.

Sotto la sua Direzione, la Struttura ha mantenuto e rinnovato la Certificazione ISO 9000 avendo superato la visita di sorveglianza da parte dell’Ente Certificatore CERMET.

Tutti e quattro i professionisti possono vantare anche una rilevante attività didattica e scientifica.

 

Share