QUANDO ERIN PATATE E PO’ PATATE E ANCORA PATATE

 


” PATATE ” (di Loretta Caselli)
Il lunedì mi’ ma’ le rifaceva
insieme al lesso che c’era avvanzato,
io mi riordo mi’ padre che diceva :
” un le lasciate nel piatto che è peccato ”

Il martedì èrin lesse e pò condite
così con l’olio o con il latte e buro ,
io brontolavo ( ‘un mi son mai piaciute )
l’avrei volute appiccicà nel muro .

Il mercole però erino fritte
e io per prima…” o mà quante ne tocca …? ”
Ma le metteva mano alle ciabatte,
” hai l’occhi che èn più grandi della bocca ” .

Il giovedì toccava alle polpette,
patate, ova cacio e peporino ,
mi’ pà diceva ” ‘un le mangiate stiette,
mangiate il pane e fatene abbicino ” .

Il venerdì c’èra la frittata ,
era mi’ mà che la faceva a fette,
ma la sù mano da tutti era guidata ,
dovevin esse uguali tutte e sette.

Il sabato mattina dopo il pane,
c’era la teglia pronta per il forno ,
venivin’ da leccà anco il tegame,
da dinni ” io saravero ci ritorno ” .

E la domenica fra urli ed orazioni ,
mi’ mà si divertiva a fà gli gnocchi ,
con quelle mani un pò dentro i pastoni,
e un popò all’aria per ispartì gli stiocchi .

Di giorno, di sera, d’inverno e anco d’estate,
ero diventa una patata anch’io …
” che c’è di bono mà…..? ” ” e rièn patate”
” anc’oggi…? ” E mi’ pà ” ringrazia Dio ” .

 

Share