PUCCINI & LA SUA LUCCA FESTIVAL

 

Con il trionfo del concerto del 2 Giugno per la Festa della Repubblica si è chiuso nel migliore dei modi il 18mo Festival di Pasqua e Pentecoste organizzato dal Puccini e la sua Lucca in collaborazione con l’Orchestra Filarmonica di Lucca e con il supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.unnamed (3)
Standing ovation di 5 minuti alla fine della performance dell’Orchestra Filarmonica di Lucca, diretta da Andrea Colombini, che ha eseguito musiche di Handel (la splendida suite dalla Musica sull’Acqua, nell’arrangiamento di Sir Hamilton Harty), Mozart (il concerto KV365 per due pianoforti e orchestra, con solisti i magnifici Fiammetta Tarli e Ivo Varbanov, che hanno anche eseguito come bis un valzer di Johannes Brahms a 4 mani), Vaughan Williams (le Sea Songs per grande orchestra) e soprattutto il Boléro di Maurice Ravel, che ha fatto letteralmente scoppiare la sala in un trionfo davvero inaspettato e di lunghissima durata, con applausi e acclamazioni per tutti i solisti e per Colombini soprattutto, vera anima del concerto.

Il concerto, che è stato realizzato anche con il supporto della Fondazione Banca del Monte di Lucca e con il Festival Internazionale  Paganiniano di Carro (La Spezia), ha visto anche la raccolta fondi per il Progetto Exodus dell’ufficio Missionario Diocesano della Arcidiocesi di Lucca, che realizza in Ruanda strutture di recupero in loco per ragazzi di strada tra i 18 ed i 25 anni.
I Residenti di Lucca e della Provincia di Lucca, tra cui alunni sia dei Licei musicali della città che del Laboratorio Musicale La Rondine di San Lorenzo a Vaccoli, avevano ingresso gratuito a tutte le manifestazioni del Festival, incluso ovviamente il concerto del 2 Giugno.

“A parte ringraziare la Fondazione CRLucca, e in special modo il presidente Marcello Bertocchini, grande appassionato di cultura e uomo di straordinaria sensibilità artistica, e la Fondazione Banca del Monte ed il suo presidente Oriano Landucci per il supporto continuo all’Orchestra Filarmonica di Lucca, ci tengo a dire – sottolinea Colombini – che ringrazio una volta tanto e di cuore le centinaia di Lucchesi che sono venuti al Festival e soprattutto al concerto del 2 Giugno e ci hann oacclamato come “cosa preziosa” della città di Lucca. Una Orchestra che suona , suona bene, porta il nome di Lucca in Italia e nel Mondo e sporattutto dà cultura gratuita a tutti i cittadini di Lucca, nel nome di quell’impegno sociale e culturale che poi ci consente anche di fare beneficienza  e aiutare anche chi ha bisogno vero. E tutto questo senza soldi pubblici, poichè come tutti sanno questa amministrazione ha totalmente tagliato ogni fondo alle nostre strutture, nonostante i successi, preferendo dare soldi alle associazioni piùà politicamente “amiche” che non noi. Benissimo, noi abbiamo dimostrato non solo che voliamo ben più alti di queste meschinerie ma che prevarremo perchè Lucca ed i Lucchesi sono con noi, ci ascoltano e ci apprezzano. Come l’altra sera ci hanno fatto ben vedere.

L’Orchestra Filarmonica di Lucca tornerà a deliziare il pubblico lucchese con il tradizionale concerto per la Santa Croce, il gran gala lirico in programma il 14 Settembre alle ore 21.15 presso la Chiesa dei Servi a Lucca, con quasi 150 esecutori sul palco ed un programma in ottima parte dedicato a Giacomo Puccini, di cui l’Orchestra e il Puccini e la sua Lucca Festival sono bardi internazionali ed unici.

Share