Pubblico Condotto, ripartiranno a breve i cantieri, sospesi per la stagione irrigua: parte la pulizia dell’alveo nel Centro storico e lo sfalcio nel tratto che da San Marco arriva fino all’ex Cantoni

Ripartiranno a breve i cantieri che il Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord sta realizzando per la riqualificazione e la messa in sicurezza del Pubblico Condotto lucchese: una delle arterie idrauliche più importanti e maestose del nostro territorio, da secoli intrinsecamente legata allo sviluppo economico e sociale della Città, nonché alla sua sicurezza idraulica. E che ancora oggi, continua ad essere fondamentale per l’approvvigionamento di campi ed industrie e, adesso, anche per lo scolo e l’allontanamento delle acque piovane, in particolare durante la stagione delle piogge.

In programma c’è ancora la pulizia del fondo del canale: sia in vari punti del fosso nel Centro storico; sia nell’intero tratto a monte, da San Marco fino all’ex Cantoni. Questi interventi partiranno a inizio novembre, quando la stagione irrigua sarà definitivamente conclusa, e sarà quindi possibile abbassare in maniera sensibile il livello dell’acqua presente nell’alveo, senza creare problemi di approvvigionamento alle colture. Inoltre, rimane da completare l’intervento per la sistemazione delle spallette in Centro storico: gli interventi, infatti, vengono passo passo seguiti dalla Soprintendenza; e un incontro con questo ufficio, in programma già la prossima settimana, sarà utile al Consorzio per ricevere le indicazioni per la parte conclusiva dell’opera di ripristino di spallette e cancellate. Infine, a novembre verrà completato lo sfalcio anche del tratto più a monte, dall’ex Cantoni fino alla presa col Serchio.

Ma c’è di più. Appena la Soprintendenza avrà espresso il suo parere, il Consorzio apporrà lungo il tratto del Centro storico del Pubblico Condotto, una serie di pannelli illustrativi, realizzati in collaborazione con l’associazione “Custodi della Città”, che spiegheranno con testi ed immagini l’evoluzione storica e sociale dell’arteria idraulica. Un modo concreto, quindi, per rendere il fosso più fruibile e fruito da parte dei cittadini.

Complessivamente, il Consorzio sta investendo sul Pubblico Condotto quasi 600mila euro.

“La sicurezza genera bellezza – ricorda il presidente del Consorzio, Ismaele Ridolfi – Se questo vale per tutte le opere che il Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord realizza sul territorio, ciò è ancora più vero per l’intervento che l’Ente consortile sta portando avanti sul Pubblico Condotto lucchese: che sta infatti tornando, seppur con tutte le difficoltà del caso, al suo splendore. La competenza della sua manutenzione è stata affidata al nostro Ente da due anni. E, dopo anno in cui nessuno praticamente se ne occupava, abbiamo quindi deciso di investire risorse importanti per le opere di scavo. Il prossimo anno saranno stanziate ulteriori risorse per completare lo scavo nel tratto dall’ex Cantoni fino a San Pietro a Vico”.

Share