Davvero eccellente il progetto A.F.A. portato avanti dalla Pubblica Assistenza di Azzano e rivolto ai “diversamete giovani” del paese.

Dal Programma del Consiglio della P.A., per il biennio 2019 – 2021, si guarda agli over 70 e il responsabile del progetto sarà Sebastiano Verona.I nostri anziani, che si apprestano a trascorrere nel migliore dei modi l’ultimo (ci auguriamo lunghissimo e sereno) periodo della loro esistenza, meritano maggiore attenzione.
Non intendiamo sostituirci né alle famiglie né alle strutture sanitarie ma vogliamo essere di supporto, qualora lo si ritenga necessario ed utile.
• “…dedicare risorse e tempo al nostro territorio ed ai nostri compaesani, in particolare ai più “fragili”, questo è il nostro obiettivo.

ECCO IN COSA CONSISTE IL PROGETTO AFA:

Che cos‘è l’attività fisica adattata – AFA?
E’ un’attività fisica, svolta in gruppo, in luoghi di socializzazione: palestre o piscine o luoghi adatti.
Tale attività è in grado di assicurare effetti positivi, in termini di benessere psicofisico, oltre che in persone sane anche in soggetti con ridotta capacità motoria legata all’età.

Come si svolge l’attività fisica adattata – AFA?
Si eseguono programmi di esercizio fisico sotto la guida di un fisioterapista adattati a persone che lamentano dolori diffusi dovuti a scarsa o ridotta attività fisica, come ad esempio l’artrosi, mal di schiena, osteoporosi.

Tale attività rientra in un corretto stile di vita, quindi il Servizio Sanitario Regionale in collaborazione con Enti anche di Volontariato si impegna a promuovere l’AFA in modo da facilitarne la diffusione tra la popolazione che ne può trarre beneficio.

L’efficacia e la sicurezza dei programmi sono stati valutati da ricerche internazionali, con la consulenza scientifica dell’Istituto Superiore di Sanità, dell’Università di Firenze e dei National Institutes of Health (USA). Queste ricerche hanno rilevato che l’AFA è sicura anche per soggetti molto anziani e fragili, migliora il mal di schiena ed altre condizioni dolorose dovute alla scarsa attività motoria, migliora il movimento e il cammino,
inoltre riduce l’isolamento sociale e migliora l’umore dei partecipanti.

Il percorso AFA – Attività Fisica Adattata – si attiva su indicazione del medico curante o dello specialista del Servizio Sanitario Regionale. All’interno
del depliant informativo c‘è il modulo di invio all’AFA che deve essere compilato dal professionista che consiglia il percorso.
La persona sceglie poi uno dei Centri che hanno aderito all’accordo di collaborazione con l’Azienda USL Toscana nord ovest.
Tali Centri si sono impegnati a svolgere l’Attività Fisica Adattata a «BASSA o ALTA disabilità” secondo i protocolli concordati con la Regione Toscana.

Le attività fornite da tali Centri prevedono un costo a carico del cittadino di Euro 30 mensili (Euro 3,00 a seduta) con pagamento ad inizio attività fisica.
Iscrizione a socio Pubblica Assistenza Azzano (Euro 10,00 annue).

 

Share