proseguono gli interventi sulle alberature lungola strada provinciale n. 1 Francigena (via per Camaiore)

 

A seguito delle analisi di stabilità effettuate da un esperto della materia

Scatteranno lunedì prossimo, 7 gennaio, coordinati dal Servizio viabilità della Provincia di Lucca, gli interventi di potatura, taglio e abbattimento di alcune alberature lungo la strada provinciale n. 1 Francigena, più conosciuta come la via per Camaiore.

L’intervento dell’ente di Palazzo Ducale è motivato per garantire la sicurezza e la salvaguardia dell’incolumità pubblica su una delle arterie provinciali di competenza e soprattutto a seguito delle analisi di stabilità effettuate sulle piante da parte di un agronomo, specialista della materia, incaricato dalla Provincia stessa.

Gli interventi in programma, che seguiranno l’elenco di priorità indicate dall’esperto, hanno preliminarmente ricevuto il benestare da parte delle Amministrazioni Comunali e dalla Soprintendenza di Lucca e riguardano alcune alberature presenti sulla SP1 Francigena, la strada che da Lucca porta a Camaiore, per le quali sono previsti abbattimenti di alcuni esemplari nel tratto dalla località “Tre Cancelli” alla località Cappella nel Comune di Lucca, in località S. Martino in Freddana nel Comune di Pescaglia e in località Nocchi, nel Comune Camaiore.

Per gli altri esemplari che sono già stati oggetto di studio e valutazione, non essendo necessario l’abbattimento quale misura da applicarsi solo in casi estremi, sempre seguendo le indicazioni dell’agronomo incaricato, verrà invece effettuato un intervento di potatura e/o riduzione della chioma.

Ricordiamo che si tratta di lavori che vengono eseguiti soltanto con il bel tempo e programmati, quindi, quando persistono condizioni di alta pressione senza vento che permettono alle ditte di lavorare in sicurezza.

I lavori di potatura e taglio vegetazione, infatti, si volgono con appositi cestelli elevatori e prevedono accorgimenti particolari per quanto riguarda eventualmente la presenza di piante malate.

Contemporaneamente, infine, prosegue il programma di messa in sicurezza delle infrastrutture viarie provinciali per le quale è già stato affidato un ulteriore incarico, sempre ad un agronomo specialista, finalizzato all’elaborazione di uno specifico report sulla stabilità degli esemplari e sullo stato di salute degli stessi.

 

Share