Proseguiamo, uniti, l’impegno per realizzare due nuovi ponti su Borgo e Bagni di Lucca.

Le problematiche relative alla viabilità, con particolare riferimento alla SS12 del Brennero, devono sempre di più unire gli enti, non dividerli in litigi paragonabili a quelli dei capponi di Renzo. Io sono abituato a pensare in grande, ad essere ambizioso, perché è solo con una visione d’insieme e di prospettiva che si costruisce il futuro. E’ per questo che nessuno mi tirerà mai dentro una sterile polemica sul se si deve fare prima il ponte alla Socciglia o quello tra Piano della Rocca e Fornoli, perché sono necessari entrambi e su entrambi bisogna fare squadra.
Il piano strutturale intercomunale, costruito da tutti i comuni dell’Unione dei Comuni ed approvato in tutti i consigli comunali, prevede la realizzazione di ambedue i ponti, in quanto ritenuti necessari al miglioramento complessivo della viabilità.
Quello tra Piano della Rocca e Fornoli è necessario perché sgraverebbe il Ponte di Calavorno e sarebbe un ottimo passaggio in caso di ulteriori problematiche sul Brennero tra Anchiano e Chifenti; quello tra Borgo e Socciglia è necessario perché sgraverebbe il Ponte pari, rilancerebbe un’intera zona industriale (quindi darebbe una forte mano ad incrementare i posti di lavoro, aspetto, di questi tempi di pandemia, più che mai fondamentale) e allo stesso modo preverrebbe eventuali problemi sul Brennero da Anchiano verso il Piaggione.
Il dato di fatto è che tra Borgo e Bagni di Lucca abbiamo due ponti vecchi, sicuri ma appesantiti dal tempo, rispetto ai quali due nuove soluzioni alternative darebbero linfa e respiro.
Qualcuno potrebbe far notare che negli anni sono stati realizzati diversi ponti in Valle, ed è vero, ma mai nessuno tra Borgo e Bagni di Lucca, dove la viabilità, oggi, richiede soluzioni innovative ed efficaci. L’amministrazione di Borgo, l’autunno scorso, ha chiesto ufficialmente alla Regione un sostegno per il ponte della Socciglia, e la Regione, ritenendo la richiesta pertinente, ne ha finanziato con 100.000 euro sull’anno 2021 uno studio di fattibilità. Credo sia importante proseguire il percorso, con analoghe azioni, includendo anche il Ponte tra Piano della Rocca e Fornoli.
In conclusione, ribadisco quello che ho, di recente, più volte sostenuto: dopo il ripristino dell’emergenza bisogna proseguire con la messa in sicurezza complessiva con sei milioni di euro della SS12 tra Chifenti e Anchiano, poi portare avanti, con unità e lungimiranza, un progetto di viabilità complessiva che includa i due nuovi ponti.
PATRIZIO ANDREUCCETTI

 

Share