Messa in sicurezza delle alberature cittadine  – Prosegue il monitoraggio degli esperti sulle piante delle Mura.

Nei prossimi giorni previsti nuovi abbattimenti di alberi ammalati

Tutti gli esemplari che verranno rimossi da qui ai prossimi mesi verranno sostituiti da nuove piante: in questo modo si assicura un ricambio generazionale del patrimonio arboreo che costituisce una priorità in termini ecologici e di sicurezza pubblica.

Prosegue l’attività di messa in sicurezza delle alberature sulla passeggiata delle Mura.

Il Comune ha infatti affidato nei mesi scorsi agli agronomi Massimiliano Demi, Letizia Cipressi e Irene Benvenuti, un’analisi dettagliata su circa 500 piante, in continuità con lo studio effettuato nel 2019 dallo stesso Demi, che ha censito circa 2500 alberi posti lungo le Mura e la circonvallazione, individuando, fra questi, le piante da sottoporre a ulteriori approfondimenti per la tutela della sicurezza pubblica.

Ed è proprio sulla base dei risultati scientifici prodotti via via dagli gli agronomi su ogni singola pianta analizzata, che il Comune sta attuando un programma serrato di messa in sicurezza delle alberature delle Mura urbane, attraverso abbattimenti e tagli sanitari.

In questo ambito nei prossimi giorni saranno abbattute 6 piante: un liriodendro, una magnolia, tre tigli e un pioppo bianco. Come si legge nella relazione prodotta dall’agronoma Irene Benvenuti, i sei alberi sono in fase avanzata di deperimento, con una vegetazione delle foglie stentata e secca in più parti. Sui rami sono presenti carie accentuate, il fusto delle piante risulta danneggiato e nella parte di collegamento fra il fusto e i rami sono presenti cavità esposte e lesioni. Per questo le operazioni di rimozione delle sei piante comincerà nelle prossime ore.

Come già spiegato in altre occasioni dall’amministrazione comunale, il primo obiettivo di questi tagli e potature sanitarie è di aumentare quanto più possibile il livello di sicurezza di alberature che sono collocate in luoghi altamente frequentati. Ovviamente tutte le piante che verranno abbattute da qui ai prossimi mesi saranno sostituite da nuovi alberi: in particolare, per le alberature delle Mura il Comune di Lucca ha ottenuto un finanziamento di 2 milioni di euro da parte del Mibact, da destinare a un progetto complessivo di restauro e valorizzazione della cinta muraria. Nell’ambito di questa progettazione, che è ormai in fase definitiva e che sarà oggetto di un confronto con la Soprintendenza, è previsto un intervento complessivo e coordinato con la previsione di nuove piantumazioni che andranno a rinverdire il monumento cittadino, producendo quel ricambio generazionale del patrimonio arboreo che costituisce una priorità in termini ecologici e di sicurezza pubblica.

Share