Una platea con professionisti provenienti da tutto il mondo ha caratterizzato l’incontro annuale sulle attività di cooperazione sanitaria internazionale realizzate nella Area Vasta nord ovest che si è tenuto nei giorni scorsi a Lucca.

L’appuntamento, organizzato dalla Azienda USL Toscana nord ovest in collaborazione con il Centro Salute Globale della Regione Toscana e aperto a tutti gli interessati, è stata l’occasione per fare una panoramica sul sistema regionale di cooperazione sanitaria internazionale e il Centro Salute Globale e di presentare quanto realizzato nel corso dei progetti realizzati in Nicaragua, Senegal, Tanzania, Egitto, Repubblica democratica del Congo, Kenya, Palestina e Burkina Faso.

“La sanità locale – spiega Andrea Grillo, referente aziendale per la cooperazione internazionale – continua il suo tradizionale impegno nel mondo attraverso progetti nati grazie a rapporti consolidati tra associazioni o istituzioni e comunità straniere. I nostri operatori hanno portato all’estero le loro competenze e professionalità, ma hanno soprattutto riportato nel lavoro quotidiano grandi esperienze e motivazioni. Da anni si impegnano a dare il proprio contributo per assicurare a tutti il diritto alla salute, eliminando le disuguaglianze esistenti tra Paesi diversi o tra le diverse fasce della popolazione di ogni singolo Paese. I principali problemi sanitari, in un mondo sempre più interconnesso, hanno cause e caratteristiche globali che non possono che trovare soluzioni in un’ottica altrettanto globale”.

Tra le associazioni coinvolte presenti all’iniziativa: Centro Mondialità Sviluppo Reciproco Livorno, CUAMM Medici con l’Africa, DICA Onlus, Fondazione Viviane, ITA-NICA Livorno, Medici per i Diritti Umani, Nasara per il Burkina e PCRF-Italia.

Share