Prevenzione rischi idrogeologici e incendi a Pescaglia, la Regione ammette a finanziamento opere per 950 mila euro

andrea bonfanti

Dieci interventi nel territorio di Pescaglia per ridurre i rischi idrogeologici, idraulici e quelli legati agli incendi, per un importo complessivo di 950 mila euro. Li ha ammessi a finanziamento la Regione Toscana nell’ambito del bando Psr Fesar 2014-2020 (Programma di sviluppo rurale) relativo alla prevenzione dei danni alle foreste da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici.

I dieci progetti che riguardano Pescaglia, presentati dagli enti competenti, l’Unione Comuni della Media Valle del Serchio e il Consorzio di Bonifica Toscana Nord, hanno ricevuto un alto punteggio di valutazione in base ai criteri stabiliti dalla Regione.

Tra le prime 10 opere in graduatoria – che ne contiene in totale 918 – ben tre, la seconda, l’ottava e la nona, riguardano il territorio amministrato dal sindaco Andrea Bonfanti.

“Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto – spiega il sindaco, Andrea Bonfanti -. La Regione ha riconosciuto la bontà dei progetti che riguardano Pescaglia, tenendo conto la particolare conformità del territorio e la sua fragilità. Per ridurre i rischi di criticità dovuti alle piogge, che purtroppo negli ultimi anni hanno colpito seriamente le nostre zone, e preservare i nostri boschi è quindi importante procedere a opere di prevenzione. Il metodo seguito è quello giusto. Grazie ai fondi regionali e alla sinergia tra enti possiamo portare benefici a tutta la comunità e realizzare interventi i cui costi sarebbero difficilmente interamente accollabili da un solo Comune”.

Tre sono le opere in graduatoria che riguardano il rischio idrogeologico o idraulico. Interessano il Solco di Capacchi a Monsagrati (costo 108 mila euro), il Fosso del Pratalino a Monsagrati (111 mila euro), e la difesa spondale e il ripristino di un tratto del torrente Vinciola a San Martino in Freddana (134 mila euro).

Sette sono invece i lavori previsti in ambito di antincendio boschivo. Riguardano: adeguamento funzionale di viabilità a fondo naturale tra Convalle e Gabboli (44 mila euro); adeguamento funzionale di viabilità a fondo naturale tra le località Pelucese e Piglione Nord (95 mila euro); adeguamento funzionale di viabilità di servizio in località Crocicchi – Piglione Nord (97 mila euro); adeguamento funzionale di viabilità forestale che collega Bozzano con il Monte Acuto (33 mila euro); adeguamento funzionale di viabilità naturale a Valle di Fiano (64 mila euro); adeguamento funzionale della viabilità forestale che collega Colognora a La Cuculiera (75 mila euro); adeguamento funzionale della viabilità forestale che collega Gello a Colognora di Pescaglia (188 mila euro). Queste strade, oltre che avere una fondamentale funzione per la prevenzione e lo spegnimento degli incendi, diventano anche importanti infrastrutture per costituire la rete sentieristica del Comune e dare impulso allo sviluppo turistico.

Share