Presentati a Castelnuovo i risultati per il recupero e la tutela di varietà erbacee e frutticole della Garfagnana

Presentati a Castelnuovo i risultati per il recupero e la tutela di varietà erbacee e frutticole della Garfagnana

S

i è tenuta stamani (lunedì 9 novembre) alle ore 10.00 presso la Fortezza di Mont’Alfonso di Castelnuovo di Garfagnana la presentazione dei risultati finali dei Progetti Locali per il recupero e la tutela di varietà erbacee e frutticole della Garfagnana.
L’Unione Comuni ha operato attivamente nel proprio territorio per il recupero di numerose varietà ortive, cerealicole e frutticole della Garfagnana. Alla luce del lungo lavoro svolto e dei risultati raggiunti nella giornata “La Valorizzazione della Biodiversità Agraria” sono stati presentati i risultati dei due ultimi Progetti Locali attuati in Garfagnana, con cui, grazie alla collaborazione con il Dipartimento di Agronomia e Gestione dell’Agroecosistema dell’Università di Pisa, sono state caratterizzate 7 varietà erbacee (granturco maggese, grano marzuolo, cavolo nero di Trassilico, fagiolo del guston, fagiola scritta, fagiolo occhiello chiaro e fagiolo pievarino) e 12 fruttiferi (9 meli e 3 peri). Nell’occasione, inoltre, è stato illustrato il ruolo del nuovo ente Terre Regionali Toscane, subentrato, dal 9 aprile 2014, ad Arsia/Regione Toscana nella gestione della maggior parte delle attività della L.R. 64/04. All’incontro era presente l’assessore all’agricoltura Marco Remaschi che ha chiuso i lavori. Sono intervenuti alla giornata

La giornata ha seguito il seguente programma: Paolo Fantoni, Presidente Unione Comuni Garfagnana, Andrea Tagliasacchi, Sindaco Comune di Castelnuovo di Garfagnana, Paolo Fantoni, Presidente Unione Comuni Garfagnana, Andrea Tagliasacchi, Sindaco Comune di Castelnuovo di Garfagnana, Claudio del Re – Direttore Terre Regionali Toscane, Rita Turchi – Regione Toscana, Mario Macchia, Disaa – Università di Pisa, Rossano Massai, Disaa – Università di Pisa, Fabiana Fiorani – Unione Comuni Garfagnana.

A conclusione lavori c’è stata una degustazione a base di prodotti tipici del territorio.

Share
Simone Sartini

Simone Sartini