Prendeva i soldi dalla cassa, funzionario del Tribunale scoperto dalle telecamere nascoste

FONTENOITV

LUCCA – In un anno ha sottratto 9mila euro dalla cassa dell’ufficio dove lavorava, presso il Tribunale di Lucca. E’ stato scoperto grazie ad alcune telecamere nascoste e per lui, oltre alla denuncia, è scattata la sospensione dal lavoro.

Protagonista, in negativo, della vicenda, un funzionario dell’Ufficio Notificazioni Esecuzioni e Protesti del Tribunale.

Ad accorgersi degli ammanchi di denaro in cassa era stato un dirigente che quindi si era rivolto alla Procura, i cui uffici si trovano nello stesso edificio del Tribunale, in via Galli Tassi.

La Procura a sua volta ha affidato le indagini alla Guardia di Finanza di Viareggio, che ha installato alcune telecamere di videosorveglianza all’interno degli uffici. E il monitoraggio delle riprese ha consentito così di chiarire il mistero .

Dalle casse di cui aveva disponibilità per le incombenze dell’Ufficio, il funzionario  sottraeva costantemente e ripetutamente piccole somme perlopiù in monete o in banconote di piccolo taglio, per non destare troppi sospetti. Addirittura in un caso il dipendente, pur non essendo quel giorno in servizio, si era ugualmente recato in ufficio per il consueto “prelievo”.

In questo modo, nel giro di 12 mesi, ha sottratto dalla cassa circa 9mila euro.

Il Procuratore Lucia Rugani ha chiesto il rinvio a giudizio del funzionario. Nel frattempo l’uomo è stato sospeso per un anno dal lavoro e la Finanza ha informato la magistratura contabile del danno erariale arrecato.

Share