Aiuti sociali Covid-19, avviso per le attività commerciali che vogliano accettare buoni spesa
C’è tempo fino a lunedì 25 ottobre. L’elenco sarà pubblicato sul sito del Comune
Le attività commerciali di Porcari che vendono generi alimentari e prodotti di prima necessità avranno tempo fino a lunedì prossimo (25 ottobre) per presentare la propria manifestazione di interesse ad accettare i buoni spesa erogati dal Comune su indicazione del servizio sociale.
L’obiettivo è redigere un elenco di negozi convenzionati che possano divenire punto di riferimento per i nuclei familiari più esposti alle conseguenze economiche dell’emergenza Covid-19. Il buono spesa darà diritto all’acquisto di cibo, prodotti per l’igiene personale (compresi pannolini, pannoloni, assorbenti) e per la pulizia della casa. Saranno invece esclusi gli alcolici e ogni oggetto che non rientri nella categoria dei beni di prima necessità.
“L’esperienza recente del lockdown ha fatto riscoprire l’importanza del commercio di vicinato. Un valore – dice Lisa Baiocchi, assessora alle politiche sociali – che vogliamo ribadire e rafforzare. Ampliando l’elenco delle attività convenzionate ad accettare i buoni spesa che vengono assegnati ai nuclei più fragili dal Comune perseguiamo due diversi obiettivi: mitigare l’impatto economico della pandemia sulle famiglie e incentivare il piccolo commercio che rende vivo il nostro paese”.
I titolari delle attività di Porcari che vorranno aderire all’iniziativa e comparire successivamente nell’elenco approvato e pubblicato sul sito dell’ente, dovranno compilare il modulo di manifestazione di interesse (scaricabile qui: https://tinyurl.com/buonispesa-avviso) e inviarlo via pec a comune.porcari@postacert.toscana.it o consegnarlo all’ufficio protocollo previo appuntamento telefonico al numero 0583211856.
Al momento non è possibile predeterminare l’importo per ciascun esercizio commerciale aderente. I buoni spesa, per l’utente, saranno cumulabili e potranno essere utilizzati anche per l’acquisto di prodotti in offerta. Tuttavia non sarà possibile convertire i buoni in denaro contante. Il rimborso dei buoni spesa agli esercenti avverrà a rendiconto.

Share