La giunta ha approvato un progetto da 150 mila euro

POLO SCOLASTICO DI CAMIGLIANO, A NUOVO L’IMPIANTO ELETTRICO E INSONORIZZAZIONE DELL’ATRIO


Il vice sindaco Pizza: “Forte impegno per migliorare e rendere più sicuro il patrimonio scolastico”

Presto il polo scolastico di Camigliano in via delle Pianacce sarà più sicuro. La struttura, che ospita la scuola primaria, la scuola secondaria, una palestra comunale e gli uffici dell’istituto comprensivo, sarà interessata da una serie di opere volte a garantire un innalzamento del livello degli standard.
E’ quanto ha stabilito la giunta Menesini, che negli scorsi giorni ha approvato il progetto definitivo dell’opera. L’importo complessivo dei lavori si aggira sui 150 mila euro. Il cantiere, secondo i piani dell’amministrazione comunale, aprirà, una volta concluse le pratiche burocratiche, durante il prossimo  periodo di sosta per le vacanze scolastiche, quindi tra la fine del mese di dicembre 2016 e l’inizio di gennaio 2017. Tuttavia le opere, vista la dimensione dell’edificio scolastico, uno dei più grandi del territorio comunale, si protrarranno per alcune settimane. L’amministrazione prenderà tutti gli accorgimenti necessari  a minimizzare il disagio e a garantire il regolare svolgimento delle lezioni.

“Con questa opera intendiamo migliorare uno dei più importanti poli del territorio comunale che è utilizzato non soltanto per le attività scolastiche ma anche per i corsi sportivi comunali – afferma il vice sindaco Lara Pizza -. Il progetto che abbiamo approvato, inoltre, è l’ulteriore riprova del forte impegno della giunta per migliorare e rendere più sicuro il patrimonio scolastico”.

Sono previsti lavori impiantistici, opere edili ed elettriche nell’edificio. Inoltre si rifarà il controsoffitto nell’atrio, che si estende su un’ampia superficie, migliorandone il comfort acustico.

Gli interventi in programma segnano una nuova fase nell’opera di innalzamento degli standard di sicurezza nel plesso di Camigliano, che nel corso degli anni ha già visto vari interventi, come quelli per la prevenzione antincendio realizzati nel 2010.

Share