LUCCA – Il 2021, complice l’ingombrante presenza del Covid, è stato un anno particolare per tutti, caratterizzato sotto il profilo delle tensioni sociali dalla costante contrapposizione del mondo no vax /no green pass, che ha visto la Polizia di Stato impegnata a monitorare e gestire tale fenomeno dal punto di vista sia dell’ordine e della sicurezza pubblica, coordinando settimanali servizi per la gestione di numerose manifestazioni, tutte svoltesi senza pericoli o attriti, sia dal punto di vista del rispetto della normativa anti contagio.

 

Si segnala, a tal proposito, l’attività dell’ufficio di Gabinetto, che ha emanato 1441 ordinanze a firma del Questore, ai sensi dell’art 37 del DPR 782/85, volte al coordinamento tecnico operativo delle forze di polizia sul territorio provinciale, con riguardo anche alla gestione dell’emergenza sanitaria in atto.

Dal punto di vista della prevenzione e repressione dei reati, la Questura, e tutte le sue articolazioni, i Commissariati distaccati di Viareggio e Forte dei Marmi, hanno svolto le consuete attività riportando importanti risultati dal punto di vista dei controlli, con il conseguente contenimento dei reati in particolare rispetto al 2019.

Nel corso del 2021 sono stati conseguiti i seguenti risultati nel territorio provinciale:

• 108 arresti;
• 929 denunciati;
• 31.072 persone controllate;

• 169 Fogli di Via Obbligatori (provvedimenti a firma del Questore su soggetti pericolosi);
• 20 DACUR (divieti di accesso alle aree urbane, importante strumento di contrasto al degrado urbano e alla microcriminalità);
• 87 avvisi orali (strumenti di prevenzione con cui l’Autorità di P.S. invita un soggetto ritenuto socialmente pericoloso a tenere una condotta conforme alla legge);

• 2 Sorveglianze Speciali (che consistono in una serie di obblighi tra cui, nel caso specifico, l’obbligo di permanere in casa nelle ore notturne);

• 60 espulsioni, di cui 16 con accompagnamento alla frontiera o ai CPR;
• 5 provvedimenti di chiusura di esercizi pubblici ai sensi dell’art 100 TULPS per turbative dell’ordine e della sicurezza pubblica;

Tra le attività più importanti ricordiamo quelle di contrasto al traffico di stupefacenti, che hanno portato all’operazione “Valgimigli” a Lucca con la collaborazione della Polizia Municipale, con l’esecuzione di 13 misure cautelari, l’operazione “Mamma cocaina” a Viareggio, con l’esecuzione di 9 misure.

Un’attenzione costante è stata rivolta al fenomeno della malamovida, con il coordinamento di 187 servizi congiunti, con le altre forze di polizia, antidegrado e anti assembramento nelle zone centrali di Lucca e della Versilia, e al crescente disagio nel mondo giovanile, nel cui ambito si è svolta l’attività di indagine che ha portato a denunciare un minorenne per l’accoltellamento di un coetaneo.
Sul fronte del contrasto ai reati contro il patrimonio, si ricordano lo spettacolare arresto in flagranza a Forte dei Marmi di un rapinatore di orologi pregiati, l’arresto di 3 ragazzi specializzati nel derubare gli anziani presso il parcheggio dei supermercati, e le misure cautelari ottenute nei confronti di 2 ladri di appartamento.

Rimane primaria la lotta alla violenza domestica e di genere, campo nel quale si annoverano numerosi interventi, alcuni dei quali conclusi con arresti, altri con misure cautelari a protezione delle vittime con l’attivazione del protocollo rosa. In particolare sono state trattati 169 fascicoli di cui 43 inerenti la materia del codice rosso con l’applicazione di 28 misure cautelari, di cui una interdittiva dell’esercizio della professione di allenatore di minori, 20 divieti di avvicinamento, 7 allontanamenti urgenti dalla casa familiare e, inoltre, 18 ammonimenti del Questore.

Ma questo è stato soprattutto l’anno in cui la Polizia di Stato ha incontrato la gente con numerose iniziative di diffusione della cultura della legalità e di vicinanza ai cittadini:
innanzitutto il contatto con le scuole, a partire dall’iniziativa “Il Mio Diario”, che ha visto la consegna a tutti i bambini di IV elementare, frequentanti le scuole della Provincia di Lucca, di un diario della Polizia di Stato, oltre ai numerosi incontri con gli studenti più grandi per affrontare i temi del cyber bullismo e della violenza di genere;

l’inaugurazione della “Stanza tutta per sè”, sulla base del Protocollo d’intesa stipulato a novembre 2020 tra il Dipartimento della P. S ed il Soroptimist Italia per la creazione di luoghi idonei affinchè le donne siano incoraggiate a rivolgersi alle Forze dell’Ordine nei casi di violenza subita e di sostenerle nel delicato momento della formalizzazione della denuncia, o in situazioni che necessitano di un ambiente favorevole che possa aiutare la donna all’incontro con gli investigatori;

il Truck della Polizia Postale per la campagna “Una vita da social” finalizzata alla prevenzione itinerante del cyberbullismo e della violenza on line;

in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, infine, ha avuto luogo l’evento “La Polizia dialoga con la lirica: il lungo percorso verso la parità di genere”, finalizzato a coinvolgere tutte le realtà del territorio sul tema della violenza e della parità di genere che, attraverso i suoi esponenti, la Dirigente della Polizia Anticrimine con la partecipazione del tenore Enrico Iviglia autore del libro “Donne all’opera”, accompagnato dal pianista Massimo Morelli e con la conduzione della giornalista Silvia Toniolo, ha conversato sul tema, analizzando l’attuale sistema di prevenzione ed il suo percorso evolutivo, ed è stato installato uno stand informativo sulla rete antiviolenza provinciale con la distribuzione degli opuscoli informativi nell’ambito della campagna permanente della Polizia di Stato “Questo non è amore”.

Senza dimenticare, per concludere, che nel 2021 il santo patrono della Polizia di Stato San Michele Arcangelo è stato celebrato nel bellissimo borgo di Coreglia Antelminelli, continuando la tradizione di incontrare i cittadini della provincia, come avvenuto nel 2020 nella chiesa di Colognora di Compito.

Share