“POLENTA INCACIATA”, o pallette o matuffi o chiamatela come volete, ma è una vera leccornia.
13083321_957908404308406_3942046318140538981_n
Intanto bisogna avere o preparare un buon sugo di carne alla maniera garfagnina con carota, sedano, cipolla, si fà rosolare, si aggiunge una parte di macinato di maiale e tre parti di manzo (deve essere macinato al momento perché la carne macinata e lasciata lì per ore forma batteri e …….gonfia in volume) quando è rosolata si sfuma col vino, si aggiunge pomodoro fino a raggiungere il colore desiderato e si cuoce aggiungendo poco brodo per volta.
Si cuoce per ore, due, tre, anche quattro, quando saremo quasi a fine cottura aggiungiamo funghi seccchi che abbiamo fatto ammollare in acqua tiepida col loro liquido che dovrete filtrare.
Mettete sul fuoco l’acqua sufficiente per fare una polenta (e mi raccomando di usare il “formenton 8 file” una farina gialla tipica della zona di Pieve Fosciana e paesi vicini, molto saporita) poi prendetela a grosse cucchiaiate, conditela col sugo, parmigiano, ancora polenta, sugo e parmigiano.
Io sono stato previdente, quando faccio il sugo ne faccio per tre, quattro kg di carne, poi lo metto nei bicchierini di plastica, li tappo e li metto in congelatore, quindi stamani lavorerò molto poco, in pratica faccio solo la polenta e scaldo il sugo !!!
Buon appetito.
foto itinerari toscana  DI EZIO LUCCHESI

 

Share