Poesie dialettali garfagnine

E’ tramontana
Silvano Valiensi
E’ tramontana e ven dagli Appennini
Sbuffando, a sparuzzà di su le vette
La cappa nera, in mille nuvolette,
come l’ fume che nisce da’ camini,
a rinfrescà le piante insunnolite,
le foglie marce su’ la tera bruna,
a fa’ brillà di più nel cel la luna,
a facci riapparir cose sparite.
S’è purgo il celo, il bosco, la collina
E la Pagna par fatta da ‘n pittore
Cusì pulita, drento a un luccicore
Che la rende sprendente e cristallina.
Chi vive quiccusì tra questi monti,
‘gni tanto pol vede’ queste bellezze,
poli sinti’ del vento le carezze
e ancor gode’ dell’albe e de’ tramonti.
Pol vede’ ‘l mondo tramuta’ ‘l vistito:
d’autunno, a primavera e ne la state,
di limpidi torrenti le cascate,
e su la scepe il biancuspin fiurito,
pole sinti’ fistia’, di matinata,
la passora col merlo e col verdone,
bela’ ni pradi pegore e montone,
e ‘l sol che scalda al fin de la nottata.
Pol be’ dell’acqua fresca a la fontana
E ricorda’ le cose d’una volta,
pol parla’ con qualcuno che lo scolta
e addurmissi ne la tramontana.
‘Nvece, per la folla cittadina,
la tramontana è solamente un vento
che a tutti, grandi e cicchi, fa spavento
e ‘l resto… pol guardallo in cartulina.
fonte ivo poli

Share