“POESIE DIALETTALI DI POETI GARFAGNINI”
Il castagno more. Silvano Valiensi
Bellissima poesia dedicata al castagno “ricordi, malinconia, rimpianto”
lì sgavonato ne la sèlva antica,
la state d’un bel vèrde rivistito,
l’inverni tutto secco e stincurito
stai per cumbatte l’ultima fadiga …
Oggi nun servi più, vècchio castagno;
i tù frutti enno drento a troppe spine,
i fumanti ballucci e le mundine
en cose d’una volta. Per compagno
òra hai soltanto ‘l bosco che t’affoga
nimo t’addrizza più le braccia storte,
e sta siguro, doppo la tu morte,
nun troverai chi le tù stiampe allòga.
Ne la sèlva pulita e rimondata,
eri ‘na volta il re, senza rivale,
gli ugelli ti sfioravino cò l’ale,
tra le fronde, fistiava la nidiata.
Lassavi andà d’autunno, le castagne
ne le viacce, apposta preparate,
che vinivino tutte raccattate
da chi era nato su questa montagna.
Era ‘l su pane e nun avein vergogna
di mestà la pulenta a mezzogiorno,
per mangiassela stietta o per contorno
un’aringa arustita a la bisogna.
Le foglie po’ che ‘l vento spruzzava,
doventavino il letto de le vacche
i rami secchi, grossi ciocchi o tacche,
cun quelli il contadin si riscaldava.
Ne nosci posti, un tempo ederi tutto:
eri l’ombra, eri ‘l pane, il foco ardente,
da solo, provvedevi a tanta gente
col tù tronco, i tù rami e col tù frutto.
Ora è finita, povero compagno
della mi giovinezza ormai lontana,
nun servi a nimo … e ne la tramontana
ti lasceran murì, vecchio castagno.
 DI IVO POLI

Share