Passano i giorni, tanti comunicati, tanta ordinarietà ma dalla nostra Amministrazione Comunale arriva poco o niente di concreto, tarato e puntato contro la crisi che ci sta attanagliando e ci attanaglierà per molto tempo.

L’ Amministrazione si diletta a far girare bozze di un protocollo “Pietrasanta protetta! (sicura)” cui dovrebbero aderire gli esercizi commerciali di Pietrasanta per potersi fregiare di una “vetrofania”.

La cosa che ci tranquillizza (per ora) è che l’adesione a tale protocollo è volontaria perché se fosse obbligatoria ci sarebbe di che preoccuparsi.

Praticamente un condensato di questioni già affrontate dai vari atti normativi (governativi e regionali) che in questi due mesi si sono succeduti, praticamente uno scarso copia e incolla e poco più.

In quel poco più possiamo trovare l’obbligo di formazione specializzata contro il corona virus (sic!) e la schedatura di tutti i clienti che entrano negli esercizi commerciali.

In quel protocollo si susseguono ovvietà e burocrazia sino a spingersi ad individuare soluzioni (ad esempio per gli stabilimenti balneari) che nella migliore delle ipotesi sono discutibili.

Per cosa? Per una vetrofania di cui non si conoscono obiettivi e funzioni. Niente di concreto, niente di veramente innovativo.

Si chiedono azioni concrete, interventi, tavoli di lavoro, un gemito un sussulto e propongono un ennesimo protocollo.

Se volete fare del bene cercate di fare squadra con gli altri Comuni della Versilia, concordate una strategia, insieme a tecnici e categorie studiate vere soluzioni per garantire la sicurezza, applicabili, serie con un occhio lungimirante garantendo tutti ma con tutti che fanno la loro parte.

Se non siete in grado di ascoltare le preoccupazioni dei cittadini e delle categorie evitate quanto meno di creare agitazione ed incertezza in quegli imprenditori già duramente colpiti e che di fronte a loro avranno tempi duri e lunghi; non hanno tempo da perdere dietro protocolli che aumentano le loro insicurezze.

Se poi avrete l’umiltà di scendere dal piedistallo ingiustificato dell’ordinarietà la disponibilità ad affrontare i problemi che ci sono in maniera corale portando il nostro contributo c’è.

Il treno è partito, se non siete in grado di guidare la locomotiva, almeno non buttate tronchi sui binari.

Ettore Neri

Capogruppo PD Pietrasanta

Sando Donadel

Segreteria PD Pietrasanta

Share