Da Pietrasanta a Montignoso – Invitiamo la cittadinanza Apuo-versiliese al prossimo incontro che si svolgerà, giovedì 17 ottobre alle ore 21 presso la sala posta nei pressi della chiesa del Cinquale , in via Giuseppe Artigiano.

Il Comitato dei cittadini, nato per la chiusura della discarica di “ex cava Viti”, è soddisfatto della importante partecipazione popolare che con oltre 100 persone riempendo il tendone del circolo della contrada della Cervia di Montiscendi, che ringraziamo per la disponibilità e la sensibilità al tema.

La riunione ha visto la presenza di tantissimi cittadini di Pietrasanta, di Forte dei Marmi, di Seravezza e di Montignoso, presenti anche cittadini Massesi e del comprensorio Apuo-Versiliese, ringraziamo anche loro per la presenza che ha ripagato il nostro sforzo. Nessuno degli amministratori locali era stato invitato in quanto l’assemblea aveva lo scopo primario d’informare i cittadini sulle ultime cose accadute attorno alla discarica e con loro organizzare una lotta democratica per far sì che la Regione, la Giunta Regionale Toscana a Guida Rossi e l’assessora Fratoni, rispettino i voti di 5 consigli comunali, che con mozioni simili chiedono la chiusura e la bonifica di questa discarica e del consiglio Regionale stesso, che per ben due volte ha votato approvando due mozioni che prevedono
la chiusura del sito.

Alcuni rappresentanti del Comitato hanno illustrato le ultime novità in merito alla discarica soffermandosi soprattutto sulle ultime analisi Arpat che confermano alcune criticità per la presenza d’inquinanti nei pozzi. Erano presenti rappresentanti dei comuni interessati alla questione della discarica, Forte dei Marmi con il sindaco e l’assessore all’ambiente, Pietrasanta con il sindaco e il vicesindaco, Seravezza con l’assessore all’ambiente, parecchi tra il pubblico i consiglieri del Pd, della Lega, del Movimento 5 stelle e rappresentati di altri comitati, unica assente l’amministrazione di Montignoso. Abbiamo apprezzato che alcune amministrazioni, pur non avendo competenza diretta, si siano da tempo schierate per la chiusura.

Seravezza e Massa che firmano una mozione di chiusura dimostrano come il tema sia importante per l’intero territorio Apuo-versiliese, la mozione di Forte dei Marmi, rinforzata dalla disponibilità di aiuto anche economico della lotta, dimostra come certe discariche siano rischiose oltre che per la salute anche per il comparto turistico, soprattutto se di qualità.

Partendo dalla “non idoneità “del sito, la continua pressione e lavoro di confronto fatto dal comitato verso la politica, hanno fatto nascere le mozioni di chiusura dei cinque Consigli comunali e le due mozioni della Regione, di cui abbiamo già parlato. Questo per noi è fare politica responsabile, ora la politica rispetti la volontà dei territori o taccia. La comunità Apuo-Versiliese si è finalmente resa conto del grave errore di aver realizzato una discarica di rifiuti speciali a ridosso dell’area protetta del “lago di porta”, sopra le due sorgenti naturali del salto della Cervia e nei pressi dei pozzi d’acqua a servizio delle comunità. Se il volano dell’economia locale è il turismo, non vi è dubbio che questa discarica abbia il suo peso, se ne rendano conto anche le realtà economiche che vivono di turismo, prendendo posizioni inequivocabili per la chiusura della discarica. Prendano coscienza anche i vari imprenditori agricoli e le loro associazioni di categoria, la discarica sorge sopra alla zona agricola pianeggiante di Renella e a due passi dalla località di Palatina, dove vengono coltivati olivi e vigne. Il comitato è stato presente, con un proprio banchetto, domenica a Forte dei Marmi per la giornata dedicata all’associazionismo, riscuotendo la piena solidarietà dei partecipanti per la battaglia in corso.

Share