Picchia la compagna a sangue per una notte intera, lei riesce a scappare: arrestato

 

CAMAIORE – Ha picchiato con violenza la compagna a pugni e a colpi di bastone per una notte intera. Fino a quando la donna, convivente di 35 anni, non è riuscita a scappare di casa e a chiedere aiuto ad un’amica. Accuse pesantissime di cui deve rispondere un uomo di 36 anni, italiano, arrestato dai Carabinieri di Lido di Camaiore.

Secondo quanto ricostruito dai militari, i fatti sono avvenuti nella notte tra il 16 e il 17 febbraio all’interno dell’abitazione dove i due vivono insieme. Un’aggressione senza senso, partita al culmine di una banale lite. L’uomo, secondo l’accusa, ha aggredito fisicamente la compagna colpendola ripetutamente e violentemente con pugni e con un bastone metallico al volto e su tutto il corpo, provocandole gravi lesioni. Al pronto soccorso del Versilia i medici hanno emesso una prognosi di ben 45 giorni.

La brutale aggressione sarebbe andata avanti fino alle prime luci del mattino quando la donna è riuscita ad andarsene e a chiamare una amica che ha dato l’allarme ai Carabinieri. I militari hanno fermato l’uomo ancora nella sua abitazione, trovando all’interno i segni della violenza: i locali a soqquadro, macchie di sangue in giro e il bastone utilizzato per colpire la compagna. Una volta portato in caserma in arresto sono emersi diversi precedenti, altri episodi simili mai denunciati dalla vittima. Adesso si trova in carcere a Prato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesione personale grave. La donna ha riportato diverse fratture a costole e vertebre e varie contusioni su diverse parti del corpo.

Share