PIAZZA AL SERCHIO  – Un museo a cielo aperto che in futuro “potrà crescere e magari essere imitato”.

 

Verrà inaugurata domenica 15 settembre, in Piazza Bechelli, a Piazza al Serchio, alle ore 16.30, l’opera pubblica realizzata dal tatuatore ed artista pietrasantino Federico Benedetti.

 

 

<<Benedetti – afferma il vicesindaco di Piazza al Serchio e presidente della locale ProLoco, Luca Cardosiè uno dei più affermati tatuatori in Italia. Ma è anche un grande artista. E proprio in questa veste ha deciso donare al paese il suo lavoro, ispirato e realizzato appositamente per Piazza al Serchio. Ne siamo orgogliosi. L’opera andrà ad abbellire una delle nostre piazze più importanti e contribuirà ad attrarre sempre più persone nel nostro comune. Quest’inaugurazione arriva alla fine di un’estate ricca di eventi: iniziative che hanno visto una grande partecipazione e che hanno portato a Piazza al Serchio tantissime persone>>.

 

L’opera, intitolata ‘OPEN YOUR EYES’, è totalmente ispirata dal territorio e dalla location nella quale verrà installata. <<L’idea – spiega Bendetti – nasce dall’incontro con il vicesindaco Luca Cardosi. Mi ha invitato a visitare Piazza al Serchio e quando ho visto Piazza Bechelli è subito scattato qualcosa: osservando il panorama che si apre davanti agli occhi ho sentito la voglia di rendere omaggio allo spettacolo delle montagne che si parano all’orizzonte, dialogando con esse. L’opera guarderà le montagne e le montagne guarderanno l’opera>>.

 

 

 

L’idea di Benedetti per Piazza al Serchio è quella di <<realizzare una pinacoteca a cielo aperto, trasformando una porzione di Piazza Bechelli nella parete di un museo, di un palazzo seicentesco sulle cui pareti se ne stanno in bella mostra dipinti incorniciati uno accanto all’altro. Non sarà un pezzo singolo ma un insieme di dipinti, simili ma diversi. É la prima volta che ho occasione di realizzare pubblicamente una cosa del genere. Voglio creare qualcosa che possa essere apprezzato dalla gente del posto ma anche da chi sarà di passaggio, dai visitatori della Garfagnana>>.

Share