Coronavirus: Per la questione dei fidanzati/relazioni non conviventi bisogna insistere con il Governo.
La Regione Toscana, che ringrazio per gli approfondimenti giuridici fatti, pare non possa “allargarsi” e prendere una tale decisione a fronte delle disposizioni del Dpcm nazionale (continuerà comunque a cercare appigli).
Scriverò al Premier e interesserò i parlamentari: è una questione centrale per il benessere psico-fisico delle persone e come tale va affrontato.
Tra l’altro non abbiamo nulla da inventarci: dobbiamo solo copiare altri Paesi europei, anche loro impegnati nella lotta al Covid, che stanno facendo senza “stressare” le relazioni fra pochi intimi.
Cari cittadini, care cittadine,
non si può pensare di superare questo brutto periodo privando le persone degli affetti più cari.
Bisogna che su questo aspetto il Governo ci metta la testa seriamente, senza derubricarlo all’ultimo posto dell’agenda politica.
È doveroso e sacrosanto dire “no” agli assembramenti se vogliamo uscire da questa situazione, ma vedersi a due in modo esclusivo non è fare assembramento.
Gli affetti stretti meritano un trattamento diverso.
È importante fermare la diffusione del Coronavirus, ed è altrettanto importante che nessuno sia solo in questa battaglia, faticosa e provante.
Inoltre, non tutti hanno famiglia o relazioni familiari solide: chi governa deve pensare anche a loro.
Su questa questione chiedo a tutte le Istituzioni di fare uno sforzo, perché il buonsenso prevalga.
LUCA MENESINI

Share