Pensioni, novità sulle nuove date: vantaggi per chi preleva da Bancomat

Pensione di aprile, cambiano le date per il pagamento dell’assegno: verrà data precedenza a chi può prelevare da bancomat.

Pensioni, novità sulle nuove date: vantaggi per chi preleva da Bancomat

Pensioni, il pagamento anticipato dovrebbe avvantaggiare coloro che possono prelevare l’importo del cedolino dal bancomat.

A spiegarlo è Stefano Buffagni, esponente del Movimento 5 Stelle nonché viceministro dello Sviluppo Economico, il quale in collegamento con “Fuori dal coro”, programma in onda su Rete 4, ha fornito ulteriori dettagli riguardo alle nuove date per il pagamento della pensione di aprile.

Ricordiamo che è stata il Ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, la prima ad annunciare un nuovo calendario per il pagamento della pensione di aprile. Ministero del Lavoro, INPS e Poste Italiane, infatti, in questi giorni stanno lavorando affinché si possa dilazionare l’erogazione dei cedolini in più giornate, così da evitare assembramenti negli uffici postali e tutelare la salute sia di quei pensionati che andranno a ritirare la pensione in contanti che degli incaricati agli sportelli.

Come spiegato dal Ministro Catalfo, il nuovo calendario sarà ufficializzato da Poste Italiane una volta che verrà definito; l’obiettivo, comunque, è di cominciare a pagare le pensioni già il prossimo giovedì (26 marzo), per poi completare l’erogazione di tutti gli assegni nella giornata del 1° aprile.

I criteri con cui verranno dilazionati i pagamenti non sono ancora stati chiariti, ma il viceministro del MISE ha fornito degli importanti dettagli in merito; vediamo di cosa si tratta.

Pensioni: saranno pagate prima a chi preleva dal bancomat?

In attesa che Poste Italiane faccia chiarezza sulle nuove date per il pagamento della pensione di aprile, per la quale ricordiamo sono state adottate delle misure straordinarie al fine di evitare affollamenti e limitare le possibilità di contagio da Coronavirus, riportiamo le dichiarazioni rilasciate da Stefano Buffagni – viceministro al MISE – durante la sua ospitata a “Fuori dal coro” – che ci forniscono dei dettagli importanti in merito.

Secondo Buffagni, infatti, l’obiettivo comune è di cominciare ad anticipare l’erogazione della pensione per coloro che sono in grado di prelevare l’importo del cedolino (che ricordiamo questo mese sarà leggermente più alto rispetto al precedente) tramite bancomat, una modalità importante per evitare assembramenti all’interno degli uffici postali.

Nel dettaglio, Buffagni ha confermato che si sta lavorando affinché “Poste Italiane possa erogare con qualche giorno di anticipo la pensione per chi la può prelevare col bancomat”, così da evitare l’assembramento dei pensionati. L’obiettivo – che deve essere ancora confermato ufficialmente – è quello di far partire i prelievi della pensione nella giornata di giovedì prossimo, 26 marzo.

Non è chiaro, invece, come si procederà con il pagamento per chi – non avendo il bancomat e non potendo ritirare la pensione dallo sportello ATM – deve per forza rivolgersi allo sportello dell’ufficio postale.

Come già spiegato ogni conferma in merito verrà data solamente una volta che Poste Italiane, INPS e Ministero del Lavoro raggiungeranno l’accordo su come procedere per anticipare il pagamento delle pensioni senza scontentare nessuno.

Share