PATTO CIVICO SU EX CAVA FORNACE

I consiglieri di Patto Civico esprimono preoccupazioni sulla vicenda che sta interessando ormai da troppo tempo la discarica di ex Cava Fornace. La cronistoria degli eventi trascorsi, gli studi, le verifiche effettuate dagli Enti preposti al controllo della sicurezza della salute pubblica e della difesa ambientale, gli interventi di comitati cittadini e dei gruppi politici, ha dimostrato in questi anni quanto la presenza della discarica denominata “ex Cava Fornace” sia cosa inammissibile per il nostro territorio sotto tutti i profili, sanitario in primis ma anche ambientale e paesaggistico.
Patto Civico ha richiamato al Consiglio di Ieri quanto già discusso in merito all’interno della Assise e ribadito la posizione di massima allerta nonché di ferma richiesta di chiusura del sito di conferimento.
La consigliera Greco per il gruppo Patto Civico nell’illustrare l’interrogazione ha evidenziato i recenti sviluppi:
– il Consiglio Regionale con l’approvazione all’unanimità della Mozione dedicata, il 6 dicembre 2017, si è espresso per la chiusura;
– la posizione attuale della Regione Toscana ed in particolare dell’assessore all’Ambiente Fratoni sembra disattendere completamente le indicazioni fornite dagli enti locali e dalla Regione stessa
– dal 4 giugno c.m. risultano avviati i lavori per la II fase che porterà a sfiorare la quota 100 (a conferma di quanto indicato al punto precedente circa le intenzioni della Regione Toscana);
– emergono dubbi allarmanti circa la regolarità e/o la completezza degli atti che hanno consentito di avvio della suddetta fase II.
Considerando quindi la sottoscrizione unanime delle Amministrazioni Locali alla Chiusura del sito, la necessità di sensibilizzare amministratori e cittadini e l’urgenza di offrire un confronto aperto sul tema, Patto Civico ha chiesto al Sindaco di promuovere mediante nota sottoscritta da tutto il CC di Seravezza, da inoltrarsi presso l’AC di Montignoso, la convocazione di un Consiglio Comunale Congiunto ed Aperto, con la partecipazione dell’Assessore Regionale, degli enti preposti al controllo sanitario ed ambientale e di tutti i comitati e/o categorie interessate dalla problematica.
La consigliera Greco ha inoltre rilevato come un eventuale passaggio alla fase II nella gestione della discarica potrebbe produrre un ulteriore danno ambientale all’area interessata e che la garanzia di evitare il suddetto danno non può essere determinata solo con la condizione posta dalla lettera del Dirigente della Regione del 16 maggio 2018 al fine del rilascio del nulla osta per l’avvio della c.d. II fase. La condizione che viene indicata riguarda, infatti, solo la “presentazione delle garanzie finanziarie e relazione di collaudo dei lavori effettuati”.
Come Gruppo consiliare, quindi Patto Civico ha altresì richiesto al Sindaco ed a tutto il consiglio di accodarsi e farsi portatore anche in via autonoma della Diffida già inoltrata in data odierna dal “Comitato Volontario dei Cittadini contro la discarica di ex Cava Viti” alla Regione Toscana ed al Dirigente Competente a non rilasciare il Nulla Osta definitivo per l’avvio della Fase II di gestione della discarica.
Gruppo Consiliare “Patto Civico con Andrea Giorgi”
I Consiglieri:
Vanessa Greco​​​​ e Andrea Giorgi

Share