Oggi è stata una giornata delle beghe.

Si, ieri è stata quella delle Celebrazioni una dietro l’altra, oggi di singoli problemi da risolvere uno dietro l’altro.
Ogni tanto queste giornate capitano, e sono un po’ come il venerdì nero della borsa. Non hai tempo per pensare, hai solo il tempo per essere concentrato ed energico per affrontare bene le questioni.
È alla fine di queste giornate, però, che il pensiero, la riflessione, si fanno più intensi.
Stasera mi sono messo a pensare che è da quando sono ragazzo che passo da un ruolo ad un altro, sempre con la vocazione a stare in prima linea, a prendermi responsabilità. Finirà, questo tempo? Me lo chiedo spesso: arriverà il momento della tranquillità? La risposta, anche se fingo sia affermativa, in realtà la conosco bene: è no. Chi nasce con un certo fuoco dentro non si ferma mai. Posso cambiare ruoli, come ho fatto piu volte in oltre 20 anni, ma la passione per certi tipi di impegni resterà sempre.
Lo so se mi guardo dentro, ma ce l’ho chiaro anche guardando gli esempi di chi mi sta intorno.
L’importante, per essere così, è metterci passione e onestà intellettuale ed avere vicine persone che ti supportano e sopportano.
Il Prefetto Esposito, ad esempio, è una persona con passione e onestà intellettuale, una di quelle che si incontrano volentieri nel viaggio della vita.
Perché la vita, si, è un viaggio e se non si viaggia in prima linea, che viaggio è?

Share