PATRIZIO ANDREUCCETTI – LA FORZA DEI PROGETTI CONCRETI

Lo scorso anno abbiamo stravinto le comunali quando lo stesso giorno, negli stessi seggi, il centrodestra ha stravinto le europee. Io, come ho sempre fatto, rispetto l’opinione degli elettori, qualunque essa sia, i quali hanno imparato, da tempo ormai, a distinguere cosa vogliono elezione per elezione. È un segnale di intelligenza: nelle elezioni sovracomunali si segue un’idea generale che in quel momento si ha; nei comuni si votano perlopiù le persone e il loro operato concreto, la loro visione per il territorio.
Io da sempre ho espresso le mie idee, le mie posizioni, note a tutti, con coraggio e determinazione. Da sindaco poi, ho sempre pensato che quello che più conta è il bene della comunità tutta, nessuno escluso. Così ho sempre dialogato con le persone, riconoscendone dignità e importanza a prescindere dal colore politico, e così continuerò a fare.
Personalmente poi sono contento della vittoria di Giani non solo per la mia visione del mondo, ma perché credo che le politiche della Regione fatte in questi anni, che Giani ha manifestato di proseguire mettendoci anche del nuovo, del suo, si siano rivelate utili alle nostre comunità.
Grazie ai bandi regionali abbiamo realizzato: circa 2 milioni di euro per cofinanziare la riqualificazione di tre scuole; fondi per riqualificare i parchi giochi di Borgo e Valdottavo; 400.000 euro dal Pit per riqualificare il centro storico di Borgo; diverse centinaia di migliaia di euro per le strade montane, tra cui la tagliafuoco di Diecimo, la Corsagna- Serra, la Rocca- Santa Cristina, la Rocca- Piano della Rocca; circa 200.000 euro per la frana di San Romano; con Anas regionale stiamo per dare il via ad i lavori per il nuovo ingresso ad Anchiano… grazie al lavoro dei consiglieri abbiamo poi scongiurato il parco a San Romano e Motrone e la chiusura del 118 medicalizzato… e potrei continuare.
Per questo mandato ci sono grandi, nuovi obiettivi, come gli ambulatori medici a Diecimo e Valdottavo, ulteriori fondi per le strade di montagna ed interne ai centri storici, ed altre opportunità, sulla scuola e sui parchi giochi in particolare, che potranno verificarsi strada facendo.
Nei rapporti tra Regione e Comune quelle che contano sono le politiche concrete, gli investimenti mirati, e gli investimenti in scuola, sanità territoriale, cura dei centri storici, delle strade di montagna, della viabilità, sono cose che credo tutta la comunità condivida.
Parliamoci chiaro: se si fa un parco giochi nuovo, se si fa una scuola nuova, se si realizzano nuovi ambulatori medici, tutti i cittadini sono contenti. E questi sono gli obiettivi che anche in collaborazione con la Regione ci prefiggiamo di raggiungere

 

Share