Amici, in questo momento bisogna piu’ che mai essere fratelli, non uno contro l’altro.
Bisogna rispettare le regole, stare in casa, ed avere rispetto e fiducia in quello che fanno le istituzioni preposte.
So che in molti vorrebbero che si dicessero nomi e cognomi dei casi, o il paese di provenienza, ma non è consentito, a meno che le persone contagiate non intendano comunicarlo.
Ci tengo però a dire che i contagiati nel comune sono tutti a casa propria e non sono critici.


Per ogni persona contagiata l’Asl fa tutte le verifiche e attiva tutti i percorsi del caso. Se in qualche modo si è coinvolti si viene contattati, state tranquilli.
Ognuno di noi pensi a stare a casa, ad essere il più sereno e solidale possibile con sé stesso e con gli altri.


Ci vuole forza lo so, ma è fondamentale tenere duro.


Ogni notte, anche quella più buia, finisce con l’alba, ma l’aurora è ancora lontana e il tempo della sua comparsa dipende dalla bontà dei nostri comportamenti.
Stiamo uniti

Share