PATRIZIO ANDREUCCETTI – ALCUNE CONSIDERAZIONI SUGLI AIUTI DEL GOVERNO

Quello che più mi manda in bestia è sentire Salvini che racconta una finta verità sui 400 milioni di euro che il governo destina ai generi di prima necessità. Dice che sono 6 euro a testa, spiccioli. Come si fa a mistificare un dato in questo modo?! Pare evidente che, per fortuna, vi sono ancora tantissimi cittadini che la spesa possono farla da soli e che, quindi, tali fondi siano destinati ad una minoranza che in questa contingenza non può permettersi di acquistare da mangiare. Il calcolo da fare sarebbe percio’ da dividere per quanti ne hanno bisogno, non sulla popolazione totale.
Al Comune di Borgo arriveranno circa 44.000 euro che, a quanto prevediamo, potranno intervenire su un platea potenziale di 145 famiglie, che per noi non sono affatto poche. La misura, quindi, è utile e ben fatta.
A quei 44.000 euro come comune aggiungeremo i già accantonati 25.000 euro per le attività commerciali ed il settore turistico, più ciò che raccoglieremo dalla raccolta fondi che ho promosso per un “fondo di solidarietà”.
Per aggiungere altre risorse i comuni dovrebbero poter usufruire di ulteriori misure a lungo termine: stamattina ho provato a sintetizzare sei proposte che spero Conte e Anci prendano in considerazione.
Ci vuole unità, buonsenso e tanta capacità di resistere. Fare polemica politica, per di più fuorviante, è quanto di più sbagliato ci sia, ma quando vengono dette certe cose non si può stare zitti e bisogna rispondere.
La politica ora, è fondamentale che sia costruttiva. Ne ha bisogno l’Italia, ne hanno bisogno i territori

Share