molazzana-e1408386646363Dopo due anni e mezzo di attesa, in questi giorni partirà il recupero di due chiese nel Comune di

Piazza al Serchio.

La chiesa di San Donnino, e la chiesa dei SS. Margherita e Giorgio in Gragnana, furono dichiarate

inagibili dopo il terremoto del giugno del 2013, oggi grazie all’impegno dei parrocchiani, della

Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e della Regione Toscana, con il supporto della

Sovrintendenza ai Beni Culturali per la Provincia di Lucca e Massa Carrara, queste due strutture

verranno recuperate e riaperte al pubblico.

“Insieme alla Pieve di San Pietro, e alla parrocchiale di Cogna, già riaperte da tempo, finalmente

iniziano i lavori per altre due chiese nel nostro territorio – sottolinea il Sindaco – l’impegno delle

singole comunità, assieme alla Fondazione e a risorse direttamente connesse all’evento sismico

da parte del Dipartimento di Protezione Civile per il tramite della Regione Toscana ha permesso di

raggiungere questo importante risultato.”

Nel territorio di Piazza al Serchio sono ancora chiuse tre chiese, Nicciano, per la quale è stato

reperito analogo finanziamento, Petrognano vero gioiello medievale incastonato su uno sperone di

roccia vulcanica e Sant’Anastasio.

“La chiesa di Sant’Anastasio ha manifestato i problemi maggiori dall’evento sismico e il suo

recupero appare più complicato, ma da tempo stiamo lavorando in collaborazione con la comunità

per riaprire questa storica chiesa, che tra l’altro racchiude opere d’arte di pregevole fattura”.

IL SINDACO

Dott. Paolo Fantoni

Share