Elenchiamo, via via che giungono, i comunicati sugli orribili, impressionanti fatti di Parigi che per mlti osservatori sembrano segnare un punto di non-ritorno! Devo dire che le stesse parole e poi niente successe, le abbiamo sentite dopo l’11 settembre…

 

Eventi criminosi di Parigi. Vertice in Prefettura

Il Prefetto Giovanna Cagliostro ha convocato, oggi pomeriggio, alle ore 18,00, una Riunione Tecnica di Coordinamento con i Responsabili delle Forze dell’Ordine, dei Vigili del Fuoco e della Capitaneria di Porto, a seguito dei tragici eventi che hanno colpito la città di Parigi ieri sera.

La riunione ha avuto l’obiettivo di esaminare le direttive impartite dal Ministro Alfano all’esito del Comitato Nazionale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, tenutosi questa mattina.

Nel corso dell’incontro sono stati analizzati gli obiettivi, già individuati e presidiati dalle Forze dell’Ordine, ed è stato deciso di intensificare la vigilanza degli stessi, in relazione a quanto accaduto.

Al termine della riunione è stato disposto di mantenere elevata l’attenzione, a tutela dei luoghi ritenuti sensibili, monitorando costantemente la situazione dell’intero territorio provinciale.

 

Lucca 14 novembre 2015

 

 

Parigi: Messina (Idv) contro terrorismo, rigore e unità

 

“Contro il terrorismo ci vogliono rigore e unità, non divisioni e paura. Almeno

davanti alle vittime innocenti di Parigi Salvini dimostri rispetto e la

smetta di fare campagna elettorale. Speculare politicamente su una tragedia

è tanto odioso quanto inaccettabile: si fermi o lo denunceremo per

istigazione all’odio razziale e per istigazione a delinquere”. A dirlo è il

segretario nazionale dell’Italia dei Valori Ignazio Messina, che ha

espresso a nome dell’intero partito “profonda vicinanza ad una Francia di

nuovo colpita al cuore”.

 

 

I tragici fatti di Parigi, smuovono le coscienze, l’orrore, la pietà e la solidarietà, per le tante vittime di una violenza assurda, cinica, criminale. Ma anche la condanna per quegli stolti che non hanno ancora capito che una parte non secondaria dei Musulmani vuole fortemente la morte degli infedeli, dei cristiani, della civiltà occidentale. Musulmani che hanno scelto definitivamente la guerra e il terrorismo per l’affermazione delle loro visione deviata del Corano e della Sharia. Stolti sono i professori italiani che vietano la visita delle scolaresche, ai nostri Musei perchè vi sono quadri inspirati alla fede Cristiana, Stolti coloro che chiedono di togliere i Crocefissi dalle scuole, di non fare i Presepi, di costruire Moschee con i soldi pubblici, che diverranno luoghi di propaganda del terrore e di spionaggio. Stolti i buonisti dell’accoglienza indiscriminata che diventerà bacino di utenza e reclutamento per il fanatismo. I terribili fatti di questi giorni illuminino la mente degli stolti, perchè la nostra civiltà serri i ranghi, difenda le sue tradizioni, le sua civiltà e anche per chi crede, la sua religione. Dobbiamo rivendicare di fronte a tanto odio, a tanta criminale violenza cieca contro di noi, l’orgoglio della nostra civiltà, esaltandola e non nascondendola per non irritare i Musulmani. Se ci dimostreremo forti nelle nostre convinzioni finiranno per rispetterrci, se deboli continueranno a ucciderci. E il sangue di tante vittime innocenti bagnerà anche le mani degli stolti.

 

francesco colucci x riformisti italiani lucca

 

Postato da Blogger su L’Informatore lucchese il 11/14/2015 01:55:00 PM

 

 

Hollande: “E’ un atto di guerra”. E i jihadisti pubblicano un video di minaccce

By Redazione Web on 14 novembre 2015 in CRONACA NAZIONALE

attentato-parigi

 

“E’ un atto di guerra pianificato dall’esterno con complicità interne”, un “atto di guerra compiuto dall’esercito dell’Isis”. Ad affermarlo è il presidente francese, Francois Hollande, parlando in diretta tv ai francesi. E intanto, i jihadisti hanno pubblicato un video di minacce: “La Francia non avrà pace” finché ci saranno i bombardamenti. Si tratta della seconda rivendicazione, dopo quella arrivata da Dabiq Francia.

 

Paris attacks aftermath

Le vetrine distrutte del Carillon Cafè

 

Parigi: Bergamini (FI), angosciati per immane tragedia

 

Roma, 13 NOV. – “Siamo angosciati per l’immane tragedia che sta sconvolgendo Parigi. Ci troviamo davanti ad un nuovo 11 settembre, stavolta in Europa, che richiama tutti i Paesi amanti della libertà e della democrazia alla massima unità contro il terrorismo internazionale. Ci stringiamo addolorati e commossi ai parigini e al popolo francese, ma questo non è solo un attacco ad una città o ad uno Stato. È un attacco alla nostra civiltà e siamo tutti chiamati a difenderla insieme”.

 

 

Lo afferma la responsabile Comunicazione di Forza Italia, Deborah Bergamini.

 

 

 

 

 

Share