PAOLO ANDREUCCI E ANNA ANDREUSSI  TRIONFANO, AL 39^ RALLY DEL CIOCCO

 

 Andreucci - Andreussi

Anche questa 39^ edizione del Rally del Ciocco, prova d’esordio del Cir 2016,  va in archivio con il settimo sigillo del beniamino di casa, che si installa in testa  all’albo d’oro della manifestazione, scavalcando un grande come Gianfranco Cunico,  che qui aveva vinto sei volte.

Paolo Andreucci si è aggiudicato ben 11 delle 17 speciali in programma, lasciando le briciole agli avversari: il pilota della Garfagnana, che nella corsa di casa ha infiammato il folto pubblico presente, manda un segnale forte alla concorrenza già in questa prova d’esordio, candidandosi  per la conquista del suo decimo titolo tricolore.

E al suo fianco, negli ultimi otto successi dei nove sinora conquistati, c’è sempre Anna Andreussi, fidata compagna di viaggio e nella vita.

Unico a resistere alla cavalcata dell’alfiere Peugeot è stato Giandomenico Basso che, al volante della Ford Fiesta Ldi alimentata a gpl, ha incalzato il campione tricolore in carica, speciale dopo speciale, terminandogli spesso alle spalle ma con distacchi minimi, per poi sopravanzarlo in 3 delle 17 prove in programma. E sembra  possa  essere proprio il pilota del team BRC, staccato nella classifica finale di 26 secondi, a candidarsi anche stavolta per il ruolo d’antagonista, in attesa che dalla concorrenza giunga l’immediata replica.

Terza piazza al fotofinish per Alessandro Perico, vincitore lo scorso anno qui al Ciocco e attualmente in testa al Trofeo Rally Asfalto.

Sottotono Umberto Scandola, terzo lo scorso anno nel Cir, che, in coppia con Guido D’Amore al volante della Skoda Fabia R5,  si è imposto in 2 prove speciali  finendo quarto.

Negli  altri trofei Ivan Ferrarotti comanda nel Cir a Due Ruote Motrici, Giorgio Bernardi  è il leader del campionato Junior, Luca Panzani è primo nel Trofeo Renault Clio, mentre Stefano Martinelli  conduce sia nel Cir R1 che nel Suzuki Rally Trophy.

Infine, Beatrice Calvi si porta in testa alla classifica femminile, sopravanzando la campionessa in carica Corinne Federighi, afflitta da numerosi problemi alla sua Renault Clio.

Ma la sfida al titolo di Campione d’Italia è soltanto all’inizio e vivrà il suo secondo atto nel primo fine settimana di aprile, quando la  carovana tricolore si trasferirà a Sanremo, per la disputa della 63^ edizione del mitico rally.

 

Classifica generale 39° Rally del Ciocco: 1.Andreucci 2.Basso 3.Perico 4.Scandola 5.Tempestini 6.Baccega 7.Rusce 8.Ciava 9.Cogni

Classifica Assoluta: 1.Andreucci 2.Basso 3.Scandola 4.Perico 5.Tassone 6.Michelini 7.Rusce 8.Tempestini 9.Baccega 10.Ciava
CIR assoluta
: 1.Andreucci 2.Basso 3.Scandola 4.Perico 5.Tassone 6.Michelini 7.Rusce 8.Tempestini 9.Baccega 10.Ciava
CIR due ruote motrici: 1.Ferrarotti 2.Panzani 3.Bernardi 4.Testa 5.Lugano 6.Gilardoni
CIR Junior: 1.Bernardi 2.Testa 3.Casella 4.Manfredi 5.Gheno 6.Vita 7.Pollara 8.Mazzocchi 9.Calvi
Trofeo Rally Asfalto: 1.Perico 2.Tassone 3.Michelini 4.Rusce 5.Tempestini 6.Baccega 7.Ciava 8.Vineis
Trofeo Renault Clio R3T Top: 1.Panzani 2.Gilardoni
Suzuki Rally Trophy: 1.Martinelli 2.Rao 3.Lucarelli 4.Coppe 5.Konig 6.Moriconi 7.Peloso 8.Epis 9.Parolaro 10.Strabello
CIR R1: 1.Martinelli 2.Rao 3.Lucarelli 4.Coppe 5.Konig 6.Moriconi 7.Peloso 8.Epis 9.Parolaro 10.Bechelli
Femminile: 1.Beatrice Calvi

 

INTERVISTE DEL  DOPOGARA

 

Paolo Andreucci – “Sono molto felice per questo successo ottenuto davanti alla mia gente, anche perché conquistato con fatica nei confronti di Giandomenico Basso che, sino all’ultima speciale, mi è stato a ridosso in classifica. Sono anche orgoglioso per questo settimo successo al Ciocco, che mi permette di sopravanzare un grande campione come Gianfranco Cunico, per il quale nutro un profondo rispetto. Questa vittoria però non deve illudermi: il campionato è appena iniziato e i miei avversari mi daranno filo da torcere. Spero infine che i continui cambiamenti al regolamento non complichino la vita al mondo del rally, che ha sempre più bisogno di visibilità e pubblico”.

Giandomenico Basso – “Questo secondo posto mi fa felice, sia perché sono riuscito a rimanere quasi sempre attaccato ad Andreucci, sia per il fatto che la mia Ford Fiesta alimentata a gpl è stata anche stavolta all’altezza. In più ho riscattato la delusione per il ritiro dello scorso anno e fatto i conti con il “Coreglia” (sede di due prove speciali della giornata), che nel 2015 mi aveva tradito”.

Alessandro Perico – “Dovevo difendere il successo dello scorso anno qua al Ciocco e sono molto contento di essere salito sul podio e ancora più di comandare la classifica del Trofeo Asfalto. In tal senso non  vedo l’ora di misurarmi nel prossimo Rally di Sanremo, che si correrà  unicamente su strade asfaltate”.

Anna Andreussi – “Voglio porgere un ringraziamento agli organizzatori del Ciocco per il loro lavoro, che ha contribuito a portare sulla strada migliaia di appassionati. E in tal senso la prova spettacolo d’apertura di Forte dei Marmi è sicuramente la strada da seguire. Ci rivedremo sicuramente qua il prossimo anno per il quarantennale del Rally del Ciocco!”

 

 

Share