PANE E FONTINA AL FORNO 35736015_1649728225126417_1381516195429089280_n

è un gratin, usavano farlo i nostri nonni nel forno a legna dopo aver fatto il pane con il pane avanzato della settimana passata e delle fette di cacio, ma è un piatto di origini piemontesi e soprattutto valdostane dove avevano fatto il militare negli alpini e nei bersaglieri.
Io vi dò la ricetta in maniera la possiate rifare al meglio a casa vostra.
Prendete del pane posato, pane casalingo possibilmente fatto nel forno a legna, salato, lucchese, fatene delle mezze fette, poi sbattete una coppia di uova in una ciotola, aggiungete mezzo litro di latte intero con un pizzico di sale.
Imburrate abbondantemente una teglia se non avete un tegame di coccio, mettetevi il pane, bagnatelo col composto di uova e latte, tenetelo immerso fin quando non tornerà più a galla, fate uno strato in superficie con formaggio fontina tagliato a lamelle sottilissime, senza lasciare spazi vuoti, ce ne vorrà almeno 150 gr, sopra ancora dei fiocchi di burro.
Mettete in forno a 200° fi quando si sarà formata una bella crosta colorata.
E’ un piatto prettamente invernale ma vale la pena prepararlo quando è rimasto del pane per non buttarlo via che è un peccato, in estate consideratelo un ricchissimo piatto unico.
fonte ezio lucchesi

Share