Pace e solidarietà, torna la Fiaccolata di Gallicano e della Valle del Serchio

GALLICANO – ” Ma il bene esiste ancora ? ” Se lo chiesero quasi 40 anni fa, era il 1979, gli allora bambini della classe quarta elementare con le loro maestre Duse Lemetti e Alma Castelvecchi. Chissà, se a tanto tempo di distanza, avranno avuto la loro risposta. Certo è che da lì prese spunto e nacque la Fiaccolata di Gallicano divenuta poi con il tempo anche la Fiaccolata della Valle del Serchio.

–  FONTENOITV

Oggi, l’ora x è fissata per le 17 di venerdì. Gallicano si prepara ancora una volta, per la 39esima volta, ad ospitare la Fiaccolata Natalizia della valle del Serchio. Negli anni la manifestazione è cresciuta e non ha perduto il proprio fascino proponendo un programma ricco di eventi.

E’ invece praticamente impossibile citare tutte le associazioni del territorio coinvolte nell’iniziativa che sono davvero tante. Come dicevamo la storia ci racconta che tutto nacque a quella classe elementare e dalle loro maestre. La storia ci racconta. Il resto è storia.

E’ il frutto della partecipazione di migliaia di persone che con generosità in questi 38 anni hanno saputo costruire anno dopo anno il più grande evento di solidarietà della Valle del Serchio.

 

Tra i momenti-clou della Fiaccolata 2018 il conferimento della cittadinanza onoraria di Gallicano al forte atleta non vedente Stefano Gori, pluricampione italiano paralimpico di atletica leggera. Infine dopo il saluto e la benedizione religiosa, alla presenza di tante autorità civili e militari, come per magia le luci si spegneranno.

A quel punto rimarranno accese solo le fiaccole ad illuminare Gallicano per la 39° Fiaccolata Natalizia. Ma il bene esiste ancora ?

Share