‘OVO IN DELLA CENDORA DELLA MI NONNA 31180240_1590744794358094_5819029169605967872_o

la mi nonna tutte le mattine a ‘nnipoti ni dava l’ovin fresco a beve, òra tra i nepoti c’era anco chi ir bianco dell’ovo ni sembrava “bava” e un lo voleva, allòra lé per dà l’ovo a tutti ni metteva nella cendora ver tanto che ir bianco inviava a rassodà, pò nielo lo rompeva in cima, ni ci metteve un pissiottin di sale ma a vorte anco senza che erin ova saporite e le fette der pan taglie per lungo per’insuppaccele drento.
Pensa te che s’era a metà der 1900, guasi un secolo fà e oggi vai al ristorante, lo cheffe ti ‘ucina un ovetto per du menuti e dodici segondi (cor cronometro alla man) te lo mette ner piatto, ti ci fà un segnin per fatti vedé ir giallo che esce, du fette di pan e pò ti porta ir conto di 50 euri, come sarem coglioni, a ‘mmi tempi s’aveva gratisse dalla nonna !!!
ricetta di ezio lucchesi

Share