Ospiti internazionali di grande riguardo quelli che sono arrivati a Lucca per il Puccini World Festival.

Grazie anche alla sponsorizzazione del Festival da parte della Fondazione Banca del Monte – che partecipa e sostiene l’importante iniziativa assieme alla Fondazione CRL, Comune di Lucca, Lucca Promos, Cadenza e Puccini e la sua Lucca Festival, oltre che la Puccini Music Foundation e Orchestra Filarmonica di Lucca (presieduta da Gianfranco Barrago) – il Puccini world Festival ha realizzato quest’anno la sua terza edizione, con grandi eventi orchestrali sotto la direzione artistica di Andrea Colombini.

E proprio la Fondazione Banca del Monte, con il suo presidente Oriano Landucci e il direttore generale Giuseppe Bartelloni e membri del consiglio di amministrazione hanno ricevuto nelle sale di rappresentanza della Fondazione, in piazza San Martino, gli importanti ospiti internazionali giunti a Lucca ospiti del Puccini e la sua Lucca Festival.

Tra di essi si segnalano Sua Eccellenza Sir John Wheeler, Consigliere Privato di Sua Maestà La Regina Elisabetta, Ministro per L’irlanda del Nord del Governo di John Major e membro del Parlamento di Westminster, nonché Past President del prestigioso Travellers’ Club di Londra, di cui Colombini è membro sin dal 2015.

 

 

 

 

 

 

 

Assieme a lui, una ricca delegazione del Travellers’ Club (10 membri), i quali sono venuti a rendere omaggio alla Fondazione Banca del Monte che, IL PROSSIMO 2 DICEMBRE 2019, in collaborazione con Colombini e il suo Festival e con Lucca Promos/CCIAA Lucca, realizzerà a Londra, nella Sala Grande del Travellers’ Club a Pall Mall, Londra, per il quarto anno consecutivo, la ormai tradizionale PUCCINI NIGHT che il Puccini e la sua Lucca Festival ed i suoi artisti, capitanati proprio da Colombini, svolgeranno nella prestigiosa location per promuovere non solo la Musica di Puccini – con un  grande concerto cui prenderanno parte 4 solisti del Festival accompagnati al pianoforte dal maestro Diego Fiorini – ma tutte le bellezze delle “Terre di Giacomo Puccini” (dal titolo della campagna promozionale di Lucca Promos “The Lands of Giacomo Puccini”).

Oltre alla rappresentanza del Travellers, anche un altro importante e prestigioso Club Londinese, il Lansdowne Club – di cui Colombini è ormai membro “anziano” poichè da più di 10 anni (sin dal 2007) – è stato rappresentato in questa visita alla Fondazione della Banca del Monte con un ricca rappresentanza capitanata dal Presidente stesso del Club ,il neo eletto Michael Dixon, il quale sin dalla prima edizione (2017) è anche “patron” del Puccini World Festival. E proprio il Lansdowne club si è offerto per realizzare nel 2020 un grande evento pucciniano nella Ball Room del Club nella sede di Berkeley Square a Londra, con la partecipazione della intera Orchestra Filarmonica di Lucca diretta da Andrea Colombini (ai cui concerti tutti gli ospiti hanno preso parte nel corso del Puccini World Festival)

Entrambe le delegazioni sono state ricevute dai vertici della Fondazione BML nella sala presidenziale,  prospicente la Cattedrale di Lucca, in un ambiente di raro prestigio e l’incontro è stato non solo ideale per far conoscere ad importanti personalità straniere un luogo storico della cultura lucchese ma anche per ribadire, a livello internazionale ed ai massimi livelli, come  il presidente Landucci ha più volte ricordato, la vocazione di sostengo alla cultura ed al territorio da parte della Fondazione, anche con operazioni internazionali di amplissimo rilievo che rendono Lucca, sempre di più, e grazie al sostegno che la fondazione ha sempre riservato al Puccini e la sua Lucca International Festival, meta privilegiata per turismo di altissimo profilo.

Gli ospiti poi si sono recati alla Chiesa di San Giovanni, tutta esaurita in ogni ordine di posti, per assistere al Gala Lirico della Vigilia di santa Croce – che ha avuto termine poco dopo le 20 per dare agli ospiti la possibilità anche di assistere al passaggio della Processione da una posizione privilegiata come quella che San Giovanni offre – a cui ha preso parte, oltre ai due Tenori Giovanni Cervelli e Simone Frediani, anche il soprano cinese Li Guoling, uno dei soprani di punta dell’Opera di Pechino e docente del Conservatorio di Pechino  (che ha invitato a sua volta Colombini ad inizio novembre a tenere una masterclass sulla interpretazione operistica pucciniana nella capitale cinese), chiudendo così nel nome di Puccini la prima giornata Lucchese della delegazione internazionale del Puccini World Festival.

Share