Anche quest’anno i pendii del Prato Fiorito, il Monte Calvo della Toscana celtica, vedranno donne e uomini di tutte le età cimentarsi con il passaggio sui carboni ardenti.

Si tratta di una prova di intima connessione con la propria centratura e la propria presenza interiore. Una sfida con se stessi, innanzitutto, e con le proprie ataviche paure. E’ il terzo appuntamento a questo evento unico nel suo genere. L’anno scorso erano presenti oltre ottanta partecipanti provenienti da tutta Italia. Si tratta di un antico rituale utilizzato per migliaia di anni presso le tradizioni di tutto il mondo. Si è svolto sotto i cieli africani, con l’accompagnamento di selvaggi rulli di tamburo , sulle vette dell’Himalaia,  con i canti salmodianti dei monaci tibetani. I Kahunas, i mistici delle Isole Hawaiiane, camminavano sulla lava per esprimere la loro venerazione a Pele, la Dea della terra e del fuoco; nelle isole Fiji le ragazze camminavano sostenute dal loro clan come iniziazione ai diritti della maturità femminile; nel Nord America, gli Zuni e i Cherokee camminavano sui carboni in riti segreti. 
ordalia betti

Un uomo medicina, chiamato Nuvola Gialla, una volta disse:

Ricordo gli anziani parlare dello Sciamano Cielo Dorato, che, in trance, camminava incolume attraverso le braci ardenti lasciate dal fuoco del consiglio

Cielo Dorato disse:

La magia più grande di questa è fatta da tutti coloro che riescono a distruggere i loro schemi di credenza. La magia più grande è nell’affrontare tutte le paure lealmente e totalmente. Una persona tale può camminare sul sole

L’Ordalia del Prato Fiorito ricollega agli antichi riti iniziatici celtici. Avrà luogo sabato 4 luglio; il ritrovo dei partecipanti è previsto per le ore 14.30. Il pomeriggio sarà dedicato ad un’accurata preparazione psicofisica e la camminata avrà luogo con il buio. Quest’anno sarà particolarmente curato il cerimoniale tradizionale e la forza spirituale che l’accompagna. Antichi rituali , pervenuti fino a noi grazie alla testimonianza degli ultimi vecchi abitanti delle Campore e di Serini, saranno rivivificati, secondo le usanze druidiche, per favorire la connessione sottile con le forze della natura e con gli spiriti dei luoghi. Sarà, quindi, un’esperienza profonda, densa di richiami storici, culturali e mitici, ma anche pregna di emozioni e di significati spirituali .
ordalia2

ordalia

Share