Oltre 10 mila euro alle famiglie bisognose,  dal comune di PORCARI
l’assessore Baiocchi. “Abbiamo favorito soprattutto chi resta fuori dagli aiuti”. Il ringraziamento all’ex sindaco Baccini per aver lasciato al Comune l’indennità di fine mandato

Lo scorso dicembre, pochi giorni prima di Natale, l’ufficio sociale del Comune di Porcari ha liquidato quasi 10 mila 500 euro (per l’esattezza 10.417) a 20 persone tra anziani, adulti e famiglie. Tutti cittadini italiani residenti in paese. Il metodo adottato è sempre quello dell’Isee, cercando di favorire soprattutto tutti coloro che, per un motivo o l’altro, restano solitamente fuori dagli aiuti: vergogna, impossibilità a raggiungere gli uffici, errata compilazione delle domande, presentazione delle richieste al di fuori dei termini, e così via.

“Non solo anziani e disoccupati – precisa l’assessore al sociale Lisa Baiocchi -. ma anche famiglie con minori che versano in situazione di disagio economico. Voglio anche cogliere l’occasione per ringraziare pubblicamente e ufficialmente l’ex sindaco Alberto Baccini, poiché la sua indennità di fine mandato è andata a finire nel capitolo di bilancio “sussidi agli indigenti” da cui sono stati prelevati i sussidi”.

La cifra che Baccini ha lasciato le casse comunali è pari a 4750 euro netti, che sono stati dirottati verso le famiglie bisognose. I sussidi agli indigenti vanno ad affiancare gli altri aiuti economici erogati dal Comune e i buoni spesa TuoDì, che, nel periodo delle festività, sono stati ancora più graditi da quelle famiglie che versano in stato di emergenza.

“Vorrei sottolineare – dice conclude Baiocchi – come sia necessario avere cura della sensibilità dei cittadini che provano vergogna nel chiedere aiuto. Come dico sempre a chi mi trovo di fronte, capita di affrontare fasi della vita complesse, per cui non c’è alcunché di cui vergognarsi.

 

 

Share