OGGI VISITIAMO ANCHE IL  LAGO DI VAGLI

Il lago di Vagli contiene circa 35 milioni di metri cubi d’acqua ed è di origine artificiale.
Si è formato infatti in seguito allo sbarramento del Torrente Edron , affluente di destra del Serchio , e alla costruzione della diga idroelettrica, iniziata nel 1941.
Interrotti a seguito degli eventi bellici, i lavori della diga terminarono nel 1947 innalzando lo sbarramento a 65 mt prima, a 95 mt poi.
Il bacino a regime può raggiungere quasi 43 milioni di metri cubi d’acqua, i quali servono principalmente per lo sviluppo di energia elettrica e ad alimentare le falde acquifere di Lucca, Pisa, Livorno.

 

 

 

 

 


Le acque del lago di Vagli alimentano la centrale idroelettrica di Torrite, Frazione di Castelnuovo di Garfagnana, con una produzione annua di oltre 150 milioni di KWH.
Inoltre lo scopo del lago è quello di rendere possibile la regolazione stagionale del corso del fiume Serchio sia per le esigenze degli acquedotti, sia per l’utilizzo a scopo turistico e sportivo.
La diga di Vagli è del tipo a gravità massiccia in calcestruzzo, ad andamento planimetrico arcuato, arco di cerchio con raggio di 150 metri al coronamento.
Al momento del riempimento dell’invaso (1947) le acque , salendo di livello, arrivarono a nascondere del tutto i borghi di Pantano, Piari e Fabbriche di Careggine, e gli abitanti furono costretti ad abbandonare le proprie case.
In caso di manutenzione necessaria, il lago viene svuotato e riaffiorano i resti di Fabbriche di Careggine, il “paese fantasma” edificato nel 1270, in epoca medievale.
Un tempo era un borgo di fabbri ferrai provenienti da Brescia, che lavoravano il ferro estratto dal Monte Tambura.
Si narra che nei periodi in cui il lago viene svuotato e il paese riemerge, gli antichi abitanti facciano ritorno alle proprie dimore.
L’ultimo svuotamento risale al 1994 ma insistenti voci di corridoio dicono che Enel svuoterà il bacino nel 2021 o al massimo nel 2022 e questo sarà di certo un evento da non perdere …..
(Fonte vaglipark.it , sito comune di Vagli – Foto Vaglipark.it)

Share