OGGI SIAMO AL PASSO DEI CARPINELLI

 


Frazione del comune di Minucciano posta a mt, 842. slm. proprio sul confine fra la Garfagnana e la Lunigiana lungo da cui deriva l’appellativo di Passo dei Carpinelli.
Da semplice e sperduto alpeggio che era in origine, denominato in gergo dialettale locale “Cason” (si trova ancora come Casone dei Carpinelli) , da diversi anni si è profondamente trasformato, soprattutto come destinazione.


Le suggestive attrattive paesaggistiche lo hanno infatti tramutato in un rinomato centro di villeggiatura estiva.


Ed a questo proposito c’è da aggiungere che si colloca in un ambiente naturale assolutamente incontaminato, sovrastato dal Monte Argegna, 1019 m. slm., circondato com’e’ da rigogliose selve di castagno, abeti, cerri, ontani e carpini.


Ovvia conseguenza del radicale e repentino cambio di destinazione, la presenza di strutture ricettive senza dubbio all’altezza della nuova vocazione turistico-residenziale, oltre che di numerose villette private che appaiono fra il verde ai lati della strada che porta al Santuario della Madonna della Guardia,che si erge solitario sulla sommità del Monte Argegna (di cui parleremo in apposito post).


Una sorta di riscoperta naturale avvenuta negli ultimi anni che fa del Passo dei Carpinelli una delle destinazioni predilette per il turismo slow, tra escursioni di trekking e in mountain bike, senza farsi disdegnare dagli amanti dei motori a due o a quattro ruote.
(Fonte sito comune di Minucciano – Foto Web Nannizzi Federico )

Share