OGGI PARLIAMO DI PALLEROSO

Anche questa frazione del comune di Castelnuovo

, da cui dista circa 7 Km, affonda le sue origini in epoca romana mentre la sua Chiesa principale , dedicata a San Martino , è citata nella ormai famosa bolla papale del 1168 . Il colle su cui sorge (circa 500 Mt slm ) ha una posizione privilegiata che lo pone al centro di una vallata da cui si scorge ad occhio nudo , da una parte Barga e la Valle del Serchio e dall’altra una grande fetta della Garfagnana , questa ubicazione ha fatto in modo che Palleroso , nel corso della storia , fosse sempre stato considerato un castello di estrema importanza strategica tanto da essere suo malgrado protagonista di numerose battaglie ed , in epoca assai più recente , posizionato sulla famosa linea gotica disegnata dai tedeschi .


A questo proposito nella Chiesa di San Rocco , sorta nel 1600 per ringraziamento al Santo per aver protetto il paese dalla peste ,

nel dopoguerra è sorto un vero e proprio sacrario a memoria dei caduti della divisione alpina Monterosa su disegno di Paolo Caccia Dominioni , famoso ingegnere progettista del Sacrario militare di El Alamein.


Palleroso merita una visita di certo per le due chiese citate , per la panoramicità a 360° , ma anche per la presenza di due attrazioni davvero uniche nella nostra valle :
– La torre , simbolo del paese di origine e di funzione incerta la cui architettura è decisamente diversa dalle altre costruzioni belliche del territorio
– La penna , una protuberanza rocciosa imponente e singolare che prende il nome dal dio adorato dai liguri apuani (Pen)

 

 

 

 

 

 


Il locale Circolo è davvero molto attivo ed ogni anno organizza manifestazioni originali e di grande richiamo primo fra tutti il Motomerenda del Contadino e la cena del giorno primo , una rievocazione storica del mondo rurale di inizi 900 messo al confronto del mondo moderno simboleggiato dal motoraduno in Piazza San Rocco. Se volete capire qualcosa in più potete visitare il sito web www.palleroso.net

GARFAGNANA TERRA UNICA

Share