Oggi 178 casi, mai così pochi dal 26 febbraio. In calo anche i decessi

Pesano, come ogni lunedì, i pochi tamponi effettuati, 31.394 (il record è oltre 75mila), per una percentuale positivi/tamponi comunque bassissima, lo 0,56%. Prosegue ormai da due mesi il calo dei ricoveri: quelli in regime ordinario sono 288 in meno mentre le terapie intensive calano di altre 11 unità, in totale 424.

178 casi pochi da febbraio calo decessi

AGI – Prosegue il calo della curva epidemica in Italia. Sale a 233.197 il totale dei pazienti colpiti dal Covid-19 dall’inizio dell’epidemia, con un aumento rispetto a ieri di 178 casi (contro i 355 di ieri), dato più basso addirittura dal 26 febbraio.

Pesano, come ogni lunedì, i pochi tamponi effettuati, 31.394 (il record è oltre 75mila), per una percentuale positivi/tamponi comunque bassissima, lo 0,56%. È quanto emerge dal bollettino quotidiano della Protezione Civile.

In particolare, si contano zero casi in 6 Regioni (Marche, Sicilia, Umbria, Calabria, Molise e Basilicata), mentre le Regioni che totalizzano 10 o meno di 10 casi giornalieri sono in tutto 17.Forte calo in Lombardia, 50 casi oggi (contro i 210 di ieri), anche qui con meno tamponi.

In calo il numero dei decessi, 60 (ieri 75), per un totale che sale a 33.475. I guariti sono 878 (contro i 1.874 di ieri, ma anche qui si scontano i pochi tamponi del weekend), per un totale di 158.355. Per effetto di questi dati, il numero dei malati ancora attivi scende di 708 unità, 41.367 in tutto.

Prosegue ormai da due mesi il calo dei ricoveri: quelli in regime ordinario sono 288 in meno, 6.099 in tutto, mentre le terapie intensive calano di altre 11 unita’, e sono 424. Le persone in isolamento domiciliare sono 34.844.

Nel dettaglio, riferisce la Protezione Civile, i casi attualmente positivi sono 20.861 in Lombardia, 5.062 in Piemonte, 3.068 in Emilia-Romagna, 1.468 in Veneto, 1.082 in Toscana, 611 in Liguria, 2.894 nel Lazio, 1.327 nelle Marche, 939 in Campania, 1.155 in Puglia, 293 nella Provincia autonoma di Trento, 967 in Sicilia, 266 in Friuli Venezia Giulia, 744 in Abruzzo, 123 nella Provincia autonoma di Bolzano, 31 in Umbria, 161 in Sardegna, 17 in Valle d’Aosta, 135 in Calabria, 135 in Molise e 28 in Basilicata.

Share