Nuovo record di efficienza per le celle al silicio policristallino

 

 

I ricercatori del Fraunhofer Institute for Solar Energy System, il più grande istituto di ricerca europeo sull’energia solare, hanno realizzato una cella di silicio policristallino che ha convertito in elettricità il 21,9% della luce solare incidente. È il nuovo primato mondiale in questa categoria di fotovoltaico.

Il nuovo materiale è il risultato di oltre trent’anni di ricerche e sperimentazioni che hanno permesso all’istituto tedesco di raggiungere la posizione di leader mondiale nella produzione di celle al silicio mono e policristallino.

Il direttore del centro ricerche, il dottor Andreass Bett, ha commentato : “Siamo molto felici di quest’ottimo risultato, che è dovuto in buona parte al fatto che il know-how del Fraunhofer Institute copre l’intera catena del fotovoltaico al silicio. La nostra competenza abbraccia infatti l’intera filiera dell’industria fotovoltaica, dalla cristallizzazione del silicio alla garanzia di qualità degli impianti.”

Il prossimo obiettivo dei ricercatori sarà quello di sviluppare una tecnologia per le celle policristalline in grado di colmare al più presto possibile il divario che le separa dal solare in silicio monocristallino (è stato sempre il Fraunhofer Institute, lo scorso anno, a raggiungere il 25,3% di rendimento con una cella fotovoltaica di silicio monocristallino).

Gli studi del Fraunhofer Institute, in collaborazione con la Soitec (azienda leader mondiale nel settore dei materiali semiconduttori), ci riguardano direttamente, non solo perché aprono la strada a un fotovoltaico sempre più efficiente e dai costi sempre più contenuti, ma anche perché la Soitec ha installazioni in alcuni fra i Paesi tra i più assolati al mondo, fra cui la Francia, il Sud Africa, la California e, non per ultima, l’Italia.

di c.v.

Share